Quantcast

One shot one sushi in mostra da Sosushi Piacenza foto

sosushi, che ha da poco aperto le sue porte a Piacenza, dal 17 Maggio presenta una mostra che ha nel potere dell’immagine, nell’originalità del sushi e nell’ironia di chi l’ha ideata la sua forza: è One Shot One Sushi di Simone Saccomanno e Silvia Allegri.

Più informazioni su

sosushi Piacenza presenta "One Shot One Sushi"

sosushi, che ha da poco aperto le sue porte a Piacenza, dal 17 Maggio presenta una mostra che ha nel potere dell’immagine, nell’originalità del sushi e nell’ironia di chi l’ha ideata la sua forza: è One Shot One Sushi di Simone Saccomanno e Silvia Allegri. La catena in franchising di ristorazione giapponese più diffusa in Italia accoglie questa esposizione su un punto vendita che grazie alla sua storia sembra far proprio quell’hand made with love che è tra le colonne portanti del brand.
75 scatti ritraggono 75 volti diversi colti in una imperturbata quotidianità: "persone che si incontrano quotidianamente per strada, persone reali e trasparenti.. Chi stava correndo al lavoro, chi andava a prendere il treno, chi camminava affaticato con le borse della spesa, chi passeggiava rilassato con la musica nelle orecchie…" Fermati per strada e colti di sorpresa è stato chiesto loro di assaggiare il sushi; catturate le loro espressioni attraverso uno scatto, sono proprio le stesse ad andare a comporre un mondo monocromatico che si veste di bianco e di nero, e che così bene sa trasmettere le emozioni che danno vita alla mostra esposta sul punto vendita di sosushi Piacenza dal 17 Maggio.
Ma facciamo un passo indietro. Una storia di innamoramenti e autorealizzazioni quella che ha condotto all’apertura del nuovo sosushi Piacenza: un’imprenditrice nata nella verde Brianza, la sua carriera milanese nel mondo dei media e un amore che le ha fatto conoscere una città "dalla bellezza discreta e dai ritmi a misura d’uomo"- come lei stessa la definisce, sono stati il punto di partenza; la passione per il sushi e la voglia del compagno di "fare qualcosa di nuovo e tangibile per la sua città" hanno fatto il resto. Lei è Giulia Porta e il nuovo laboratorio di cucina giapponese marcato sosushi è l’ambizioso progetto realizzato con il compagno Stefano.
Dice Giulia: – "Insieme abbiamo deciso di mettere le nostre radici qui e di creare un punto di riferimento per tutti quelli che hanno voglia di esplorare un nuovo mondo ed una cultura diversa dalla nostra. L’amore è la base di tutto quello che facciamo, per questo il nostro sushi sarà fatto a mano e con grande amore, come recita uno degli slogan della catena che abbiamo voluto riprodurre all’interno del nostro locale: “hand made with love”. La filosofia sosushi, poi, è stata fin da subito sposata completamente: qualità delle materie prime, sushi 100% artigianale e servizi innovativi per un laboratorio di cucina giapponese che realizza anche catering e scuola di sushi"-
E’ così, dunque, che sosushi è anche per Piacenza sushi creativo preparato quotidianamente dalle mani di abili ed esperti chef, senza l’ausilio di macchinari.
sosushi è inoltre sperimentazione volta a favorire un sapiente incontro fra la tradizione culinaria giapponese e la cucina mediterranea: i prodotti, provenienti da culture diverse, si fondono in pietanze che conservano il meglio di ognuna delle due senza snaturare la particolarità del sushi e che sanno magistralmente giocare con un’alternanza di crudo e cotto.
E non solo, sosushi è garanzia di qualità e sicurezza alimentare, a partire da un cibo che è di per sé sinonimo di dieta sana. Un’attenzione al piano alimentare che si coniuga poi con la passione della catena per il design: la cura degli allestimenti, la progettazione di ogni singolo punto vendita e gli inconfondibili bianco e magenta sono ormai le impronte di un brand destinato a continuare a lasciar traccia di sé lungo tutta la penisola!
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.