Quantcast

Protesta degli assicuratori: “Il contratto non si tocca”

Anche una delegazione piacentina guidata dal segretario Fisac-Cgil (Federazione italiana sindacato assicurazione credito) di Piacenza, Giordano Allegri, ha partecipato alle proteste avvenute a Bologna

Più informazioni su

Anche una delegazione piacentina guidata dal segretario Fisac-Cgil (Federazione italiana sindacato
assicurazione credito) di Piacenza, Giordano Allegri, ha partecipato alle proteste avvenute sotto le
finestre della SNA, il sindacato nazionale agenti di assicurazione che ha deciso di non rispettare il
contratto collettivo nazionale di lavoro che, scaduto nel 2008, è stato rinnovato da tutti i sindacati
(Fisac Cgil, Fiba Cisl, Uilca e Fna) il 4 febbraio scorso.
“E’ scandaloso quanto sta accadendo – ha commentato Allegri da Bologna – è inaccettabile che
l’esecutivo del Sna prima firmi il contratto di lavoro delle Agenzie in gestione libera e poi il
comitato centrale della stessa associazione di categoria blocchi la ratifica del medesimo contratto”.
 
Per questo da Piacenza una delegazione della Fisac Cgil è partita per via Calzolerie a Bologna, per
protestare sotto le finestre del presidente Sna: “Deve sapere che il contratto firmato è quello del 4
febbraio e non si tocca – prosegue Allegri – perché già purtroppo è complicato far valere i diritti
dei dipendenti delle assicurazioni di piccole agenzie, come accade qui a Piacenza dove fare attività
sindacale è complicato; in più se si firma un contratto e metà delle parti datoriali lo applicano –
è il caso dell’Unapass – e l’altra no, si vengono a creare discriminazioni per i lavoratori. Un atto
unilaterale gravissimo che a Piacenza riguarda decine e decine di lavoratori che hanno diritto
all’applicazione delle nuove tabelle contrattuali”.
 
Invece, stando a quanto si apprende, anche gli aumenti concessi finora dalla parte datoriale che
giustamente ha applicato il contratto firmato unitariamente vorrebbe tornare alle vecchie tabelle
prelevando i soldi direttamente in busta paga: “Sarebbe un sopruso che la Fisac cercherà di
impedire con tutte le sue forze anche qui a Piacenza” mette in guardia Allegri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.