Quantcast

Regolarità appalti pubblici, seminario al Marconi foto

Il seminario, rivolto ai funzionari delle pubbliche amministrazioni è stato tenuto da Alberto Mischi del Foro di Bologna che ha spiegato i casi e le modalità di richiesta del Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva).

Più informazioni su

“Regolarità , sicurezza e qualità del lavoro negli appalti pubblici di lavori, forniture e servizi alla luce delle ultime disposizioni normative”, questo il titolo del seminario, promosso dall’assessorato al Lavoro e alla Formazione della Provincia di Piacenza, che si è tenuto stamani nell’aula magna Modonesi dell’Isii Marconi.
Il seminario, rivolto ai funzionari delle pubbliche amministrazioni è stato tenuto da Alberto Mischi del Foro di Bologna che ha spiegato i casi e le modalità di richiesta del Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva); controllo sulla congruità della manodopera, pagamento diretto delle somme dovute agli enti previdenziali, le figure del responsabile unico del procedimento per i compiti di manutenzione, servizi assistenza, installazione, lavorazione di sostanze pericolose e pulizia e quello per i lavori.
“Con l’emanazione del ‘Regolamento di attuazione del codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture – ha spiegato a margine l’assessore Paparo – si conclude un lungo percorso normativo che ha ridisegnato l’impianto legislativo dei contratti pubblici.  Il regolamento racchiude in un unico testo le disposizioni riguardanti i contratti pubblici nei settori ordinari e speciali, sia di importo superiore che inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria. Di particolare rilievo sono le nuove disposizioni in materia di qualificazione delle imprese tese a perseguire una maggiore trasparenza del mercato e a garantire la qualità degli operatori al fine  controllare più rigorosamente il sistema. In questo quadro il convegno di rappresenta uno strumento utile per gli addetti ai lavori e un’opportunità per approfondire una disciplina oggetto negli ultimi anni di numerose novità e integrazioni normative”.

“Questa Amministrazione - ha aggiunto l’Assessore – pone l’ attenzione sulla volontà di perseguire politiche capaci di limitare le conseguenze della crisi prevedendo azioni di sostegno ai lavoratori che hanno perso il posto di lavoro, prevedere azioni di sviluppo e sostegno alle attività produttive ed economiche per una ripresa territoriale ma anche favorire uno sviluppo territoriale ’sostenibile’ e uno sviluppo di qualità:   a questa idea di   qualità devono ispirarsi tutte le prestazioni di lavoro rese nella nostra provincia . L’attenzione delle Pubbliche Amministrazioni deve divenire poi ancor più puntuale allorché tali prestazioni di lavoro possano essere influenzate dal ‘come’ vengono affrontate le varie fasi dell’appalto”.

Il Seminario di oggi è un ulteriore segnale della stretta collaborazione che la Provincia di Piacenza ha instaurato per una sempre maggiore tutela del lavoro e della sua sicurezza con e sindacati (CGIL, CISL, UIL); Associazioni di categoria (Confindustria, Unione Agricoltori, Coldiretti, Unione Commercianti, Confesercenti, Legacoop, Confcooperative, Libera Ass. Artigiani, UPA, CNA) Istituzioni   ( Prefettura, la Direzione Provinciale del Lavoro, l’INPS, l’INAIL , l’ASL e la Camera di Commercio, la Cassa Edile).
 “Con tutti – ha concluso l’assessore Andrea Paparo - si è instaurato un rapporto costruttivo che ci ha visto lavorare con impegno e reciproco rispetto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.