Quantcast

Requiem per i caduti piacentini della Resistenza LE FOTO

Grande successo per il concerto dedicato alla memoria dei caduti piacentini della lotta di Liberazione, offerto ed eseguito da prefessionista e da allievi - in specifico i coristi - del Conservatorio di Musica di Piacenza.

Più informazioni su

Grande successo per il concerto dedicato alla memoria dei caduti piacentini della lotta di Liberazione, offerto ed eseguito da prefessionista e da allievi – in specifico i coristi – del Conservatorio di Musica di Piacenza.
“Il concerto – spiegano gli organizzatori – nel 150° dell’Unità d’Italia, va ad onorare quanti persero la propria vita per assicurare quello che fu definito il Secondo Risorgimento italiano, a cui dobbiamo le attuali istituzioni repubblicane e democratiche del nostro Paese. L’iniziativa, promossa dall’Anpi di Piacenza, si avvale del patrocinio e del sostegno dell’Amministrazione provinciale e del Comune di Piacenza. Il requiem di Jonathan Willcocks, uno dei più importanti compositori inglesi contemporanei, combina il tradizionale testo latino del requiem con le poesie di Byron Baldwin, un ex soldato emericano che riflette sugli orrori della guerra basandosi sulla sua esperienza personale. E’ un requiem che ripudia la guerra, di grande impatto emotivo e pienamente apprezzabile da tutti. L’esecuzione del concerto viene preceduta, da parte dell’uomo di teatro Giancarlo Andreoli, dalla lettura dell’ultima lettera ai famigliari di quattro martiri piacentina della Resistenza, lettere che possono essere assunte come lascito morale di tutti i caduti piacentini della lotta di Liberazione. Questa iniziativa, che crediamo non abbia precedenti a Piacenza, va a concludere le manifestazione di quest’anno dedicate al 66° anniversario della Liberazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.