Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Smea apre la stagione delle summer school della Cattolica

Sarà la summer school in Agriculture and food economics. Contracting and Cooperatives in Agricultural Markets – XXII edizione, promossa dall’Alta Scuola in Economia Agro-alimentare – SMEA ad aprire la stagione dei corsi estivi dell’Università Cattolica.

Più informazioni su

Sarà la summer school in Agriculture and food economics. Contracting and Cooperatives in Agricultural Markets – XXII edizione, promossa dall’Alta Scuola in Economia Agro-alimentare – SMEA ad aprire la stagione dei corsi estivi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Scadenza per le iscrizioni 9 maggio).
Anche quest’anno, infatti, l’Università Cattolica promuove le summer school, programmi intensivi di alta formazione rivolti a studenti, neolaureati, giovani professionisti, italiani e stranieri, accomunati dalla voglia di approfondire la conoscenza di particolari tematiche o avvicinarsi a determinate discipline scientifiche.
 
Tredici in tutto i corsi, alcuni dei quali in lingua inglese, organizzati nella maggior parte dei casi dalle Alte Scuole dell’Ateneo: Media, Comunicazione e Spettacolo (Almed), Economia e Relazioni Internazionali (Aseri), Psicologia «Agostino Gemelli» (Asag), Economia Agro-Alimentare (Smea) e Ambiente (Asa).
 
Le summer school della Cattolica nascono con la finalità di fornire un aggiornamento professionale e culturale, rappresentando un’ottima occasione di “lifelong learning”. Hanno una durata di una o due settimane, analizzano aree tematiche differenti e sono tenute da docenti dell’Ateneo del Sacro Cuore, da professori provenienti da prestigiosi atenei internazionali, nonché da professionisti di imprese e istituzioni. Tratto distintivo dei programmi estivi dell’Ateneo di largo Gemelli è puntare, da una parte, su temi che hanno una tradizione consolidata: basti pensare all’agro-alimenatare, agli studi danteschi, alle relazioni internazionali, ai diritti umani, alla famiglia e ai format televisivi. Dall’altra, scegliere argomenti innovativi e al passo coi tempi, come il green marketing e i new media. Tra le novità 2011, vanno segnalati i seguenti corsi: Soundtrack: il cinema che si sente. Produzione di un format televisivo sulla colonna sonora dei film, Responsible leadership in times of change e Transferable skills in doctoral education.
 
Una formula consolidata, dunque, che sembra dare i suoi frutti. Nel 2010, infatti, sono stati più di 250 gli iscritti ai diversi programmi estivi della Cattolica (nel 2007 gli iscritti erano 180), di cui il 92% proveniente dall’Italia. A farla da padrone il Nord con una percentuale del 67%, seguito da Sud e Isole (20%) e dal Centro (13%). Diversificata l’età dei partecipanti compresa tra i 19 e 60 anni, con punte nella fascia dei 24-29 e dei 30-35 anni. Alte, comunque, le percentuali relative alle fasce di età comprese fra i 36-45 e i 46-60. Pubblico di riferimento delle summer school restano i laureati, che rappresentano il 53% dei frequentanti, e i “diplomati” (17%), categoria che include sia studenti universitari in attesa di conseguire il titolo, sia professionisti non in possesso di laurea. Quanto al target, i programmi estivi, pur se diversificati nei contenuti, risultano particolarmente attrattivi fra i professionisti (58%), cui seguono studenti universitari (22%), neolaureati (15%) e dottorandi (5%). Infine, tra le motivazioni che hanno portato alla scelta di frequentare un corso di questo tipo spiccano il desiderio di acquisire una buona preparazione professionale, cogliere occasioni formative anche durante le vacanze estive, migliorare le opportunità di carriera e aumentare le possibilità di trovare lavoro.
 
Come già nel 2010, l’Università Cattolica è partner del circuito Milano summer school (www.milanosummerschool.com). Il progetto, che coinvolge i maggiori atenei ambrosiani, è stato attivato dal Comune del capoluogo lombardo con l’obiettivo di contribuire a potenziare l’appeal della città come polo universitario internazionale, anche durante i mesiestivi.
 
 
Cos’è la SMEA
SMEA nasce a Cremona nel 1984 come Scuola di Specializzazione e Master in Economia del Sistema Agro-alimentare ad opera delle Facoltà di Agraria e di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal 2005 è entrata a far parte delle sette “Alte Scuole” dell’Università Cattolica.
Oggi l’offerta formativa presso la SMEA è articolata sul Master in Economia del Sistema Agro-alimentare, sul Master in International Agribusiness e sulla Laurea Magistrale in Economia e Gestione del Sistema Agro-alimentare della Facoltà di Agraria.
La qualificazione acquisita dagli oltre 600 studenti nei primi 26 anni di attività della SMEA ha consentito l’accesso a professioni estremamente qualificate nel settore dell’industria e della distribuzione alimentare, oltre a interessanti aperture in altri ambiti.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.