Quantcast

Statale 45, Trespidi: "Più attenzione al tratto Bobbio Ottone"

Più attenzione all’alta Valtrebbia, per il tratto della Statale 45 da Bobbio a Ottone. A chiederlo ad Anas sarà la Provincia di Piacenza. 

Più informazioni su

Più attenzione all’alta Valtrebbia, per il tratto della Statale 45 da Bobbio a Ottone. A chiederlo ad Anas sarà la Provincia di Piacenza. "Servono più fondi rispetto a quelli stanziati attualmente, perché sono insufficienti" ha dichiarato il presidente della Provincia Massimo Trespidi, che ha lamentato la "grave scorrettezza istituzionale, per l’assenza di Anas dal sopralluogo". 
Dalla Provincia arriva così la proposta di utilizzare il modello di successo già utilizzato in occasione delle frane. "Siamo riusciti a portare a Roma i sindaci e i rappresentanti degli Enti locali, per parlare con Bertolaso: vorremmo fare lo stesso con la Statale 45. In realtà – continua Trespidi – noi non ci siamo mai fermati: il tavolo tecnico continua a lavorare, e lo stesso si può dire di quello dei parlamentari. Spiace che Anas si sia comportata così: quando un suo rappresentante viene sul territorio e si decide un orario, se cambia qualcosa è buona educazione avvertire. Rimaniamo comunque sempre disponibili – ha concluso Trespidi – per un rapporto costruttivo e collaborativo".
 
Un’interrogazione di parlamentari Pd. I parlamentari del Partito democratico di Bologna on. Gianluca Benamati (primo firmatario) e on. Paola De Micheli hanno presentato un’interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, per sapere se risponda al vero quanto denunciato e “quali azioni concrete il Governo ha intenzione di esperire perché attraverso la società ANAS vengano messe in atto al più presto le misure di ammodernamento e messa in sicurezza della statale 45 della Val Trebbia e quale sia lo stato di avanzamento della redazione dell’Accordo di Programma 2011”.
 
La situazione della statale 45 sul versante piacentino, un “fondamentale” asse-viario per la provincia di Piacenza ed in special modo per la sua area montana, scrivono i parlamentari, è di “vera emergenza, con condizioni di degrado e di conseguente pericolosità”. Ad oggi “si sono già ripetute interruzioni o limitazioni della viabilità dovute a smottamenti franosi, così come si sono verificati pericolosissimi incidenti”. Uno “stillicidio che tormenta la popolazione locale e danneggia gravemente gli operatori economici”. A questo punto, sostengono i Democratici, lo stato di degrado della strada statale Val di Trebbia “rende urgente e non più prorogabile l’avvio di un programma straordinario di ammodernamento e messa in sicurezza non solo per garantire la completa agibilità della struttura viaria, ma proprio ai fini della pubblica incolumità”. Questo programma, da valutarsi in cooperazione fra ANAS e le istituzioni locali, ed il cui costo ammonterebbe a svariati milioni di euro, “deve al più presto trovare copertura finanziaria”, anche se “sembra non potersi ipotizzare nell’ambito delle poste dell’attuale bilancio dell’ente”.
 
Eppure, si ricorda tra l’altro nell’interrogazione, fin dal 2001 il CIPE riteneva l’ammodernamento della strada statale 45 Val Trebbia tra gli “interventi di preminente interesse nazionale”; l’intesa generale quadro del 2003 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Emilia-Romagna includeva la statale tra gli “interventi aventi carattere di «preminente interesse strategico”; il Presidente di Anas ha recentemente informato che era in corso di redazione l’Accordo di Programma per l’anno 2011, con la possibile previsione di ulteriori 2-2,5 milioni di euro per l’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria della Statale 45 di Val Trebbia; tra questi, rientra la realizzazione delle opere più urgenti di messa in sicurezza delle barriere stradali sull’asse della Statale per un importo di 1.630.000,00 euro, lavori che dovevano già essere inclusi nella rimodulazione del Contratto di programma, con appaltabilità 2010; infine, l’VIII Commissione permanente della Camera dei Deputati ha approvato una risoluzione, a prima firma dell’on. Tommaso Foti e firmata anche dagli on. Polledri, Alessandri, Benamati e Bratti, che impegna il Governo “a verificare la possibilità di rimodulare il quadro delle risorse finanziarie recate dal programma al fine di disporre dei fondi necessari al completamento degli interventi di ammodernamento e messa in sicurezza strada statale 45 Val Trebbia”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.