Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Anno della Chimica, stage in Cattolica per 30 liceali

Gli stage attualmente in corso sono legati al progetto promosso dalla facoltà di Agraria dal titolo “Le sostanze chimiche nella storia dell’umanità”.

Più informazioni su

STAGE IN CATTOLICA PER UNA TRENTINA DI LICEALI
Gli stage attualmente in corso sono legati al progetto promosso dalla facoltà di Agraria dal titolo “Le sostanze chimiche nella storia dell’umanità”.
 
È tempo di stage per gli studenti delle scuole superiori.
Così come i colleghi prossimi alla laurea sperimentano il mondo del lavoro facendo pratica in aziende e studi di liberi professionisti, così i ragazzi che solo pochi giorni fa hanno terminato il quarto anno della scuola superiore hanno la possibilità di vivere e “assaggiare” l’Università attraverso un periodo di tirocinio alla Cattolica di Piacenza.
Quasi trenta gli studenti che, provenienti da due importanti Licei piacentini, Colombini e Gioia, hanno colto questa possibilità nei mesi di giugno e luglio.
Tre le studentesse del Liceo delle scienze sociali Colombini che in questi giorni sono impegnate nello studio di molecole ad azione antimicrobica con particolare riferimento ai sulfamidici, seguite dal dott. Edoardo Puglisi nell’Istituto di Microbiologia (vedi foto), e altre due studentesse arriveranno dalla medesima scuola la prossima settimana per affrontare col prof. Adriano Marocco, direttore dell’Istituto di Agronomia, genetica e coltivazioni erbacee, uno studio molecolare della risposta delle piante agli stress e ai patogeni.
Alcune delle esperienze di stage che il Servizio Orientamento della Cattolica di Piacenza tradizionalmente organizza, in particolare nei mesi estivi, per i ragazzi delle scuole superiori di Piacenza e provincia, quest’anno si legano ad un importante progetto promosso dalla Facoltà di Agraria, intitolato: “Le sostanze chimiche nella storia dell’umanità”.
Il 2011 è l’anno della chimica e la Facoltà di Agraria ha proposto un’iniziativa volta a far percepire agli studenti l’interesse sviluppato dagli uomini verso specifiche sostanze naturali che hanno profondamente segnato lo sviluppo delle nostre società. 
Lo scorrere dei secoli non ha certo cambiato il modo in cui si procurano le materie prime. É invece stato proprio il prodotto dell’attività squisitamente antropologica di manipolare la dimensione molecolare che ha consentito di costruire il presente in cui viviamo. 
Per questo motivo sono state individuate diverse classi di sostanze chimiche, che si ritiene abbiano contribuito allo sviluppo della società moderna e che gli studenti potranno studiare sotto diversi aspetti: chimici, storici, economici, sociali e ambientali per comprendere l’importanza che riveste la chimica nella nostra vita quotidiana e che spesso è dimenticata o non compresa. 
 
La Facoltà di Agraria ha quindi individuato un’ampia gamma di molecole – sostanze legate all’agricoltura ed all’alimentazione perché indissolubilmente legate ai componenti molecolari di piante, insetti, animali, derrate e alimenti – e gli studenti che parteciperanno al progetto ne hanno scelta una che analizzeranno da molteplici punti di vista.
Gli studenti del Liceo Colombini, ad esempio, hanno chiesto di poter analizzare il glucosio e la scorsa settimana, infatti, sei di loro sono stati ospiti dell’Istituto di Chimica, dove, seguiti dal dott. Marco Zanetti, hanno fatto esperienza dell’estrazione di zuccheri e della determinazione del loro contenuto negli alimenti.
Un’intera classe del Gioia, composta da diciassette studenti, ha invece voluto approfondire l’argomento della penicillina e dell’antibiotico resistenza affrontando una settimana di stage e lavorando, oltre che presso l’Istituto di Chimica, anche in quello di Microbiologia con la dott.ssa Vania Patrone e in quello di Nutrizione col dott. Terenzio Bertuzzi.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.