Atalanta – Piace, sull’”1″ dopo il primo tempo il 97% delle giocate 

Il 95 per cento degli scommettitori di Atalanta - Piacenza del 19 marzo scorso pronosticò la vittoria dei padroni di casa (con quota passata da 1,50 a 1,30), e addirittura il 97% puntò sulla vittoria dei bergamaschi alla fine del primo tempo. L’analisi di Agipronews sui dati forniti dai principali concessionari di scommesse.

Più informazioni su

Il 95% degli scommettitori di Atalanta – Piacenza del 19 marzo scorso pronosticò la vittoria dei padroni di casa (con quota passata da 1,50 a 1,30), e addirittura il 97% puntò sulla vittoria dei bergamaschi alla fine del primo tempo, con relativo aggiustamento della quota da 2,00 a 1,50. È quanto emerge dall’analisi che Agipronews ha compiuto sui dati forniti dai principali concessionari di scommesse. Il match tra i biancorossi e gli orobici (terminato 3 a 0 per i neroazzurri) è uno di quelli più “bersagliati” dagli scommettitori: sotto i riflettori anche l’Over, preferito nel 77% dei casi a quota 2,05, e l’esito parziale/finale “1/1” (bergamaschi in vantaggio sia alla fine della prima frazione, sia al fischio finale), precipiato da 2,15 a 1,55 visto il 98% di preferenze.

Di seguito i dati dettagliati sulle scommesse di altre 14 delle 18 partite sotto indagine nell’inchiesta Last bet, che coinvolge anche il Piacenza, che rischia la responsabilità oggettiva:

MONZA-CREMONESE (21/11/10): Più di una scommessa su due (siamo circa al 52%) va sulla “X”, quotata a 2,55. Il match è finito 2-2.

SPAL-CREMONESE (16/01/2011): Oltre il 91% delle scommesse finisce sul segno “1”, offerto in apertura a 1,80 e poi ritoccato fino a 1,60. L’incontro, però, termina sull’1-1.

BENEVENTO-VIAREGGIO (13/02/2011): anche in questo caso preferenza assoluta sul segno “1”, scelto nel 99% delle giocate e “tagliato” da 1,45 a 1,35. La partita poi si conclude sul 2-2: l’esito finale è “sballato”, ma il risultato premia il 96% degli scommettitori che hanno puntato sull’Over (almeno tre reti nel corso dell’incontro). Valeva 2,30, contro l’1,50 dell’Under (massimo due gol).

LIVORNO-ASCOLI (25/02/2011): ancora una volta plebiscito per i padroni di casa, con l’”1″ al 94% di preferenze (a quota 1,70, poi abbassata a 1,60), e ancora una volta un errore, visto l’1-1 finale. VERONA-RAVENNA (27/02/2011): stavolta festeggia il “club” dell’”1″. Il 94% degli scommettitori punta sul Verona (prima a 1,70, poi a 1,60), che porta a casa i tre punti con un secco 4-2.

BENEVENTO-COSENZA (28/2/2011): come già successo in occasione di Benevento-Viareggio, anche stavolta l’”abbuffata” di giocate si concentra su due tipologie di scommessa. L’”1″ (a 1,50) è l’esito prescelto nel 91% delle giocate, in coppia con l’Over, all’84%, quotato in partenza a 2,00 e poi passato a 1,82. La partita finisce 3-1.

ASCOLI-ATALANTA (12/3/2011): circa il 66% degli scommettitori punta sicuro sul segno “2”, dato a 2,10. Ma al fischio finale le squadre escono dal campo sull’1-1, punteggio che premia il 26% delle puntate che ha creduto nella “X”.

TARANTO-BENEVENTO (13/3/2011): il pareggio a 2,75 fa gola e ottiene il 52% delle preferenze. Va male, perché la partita finisce 3-1, anche se chi ha scommesso sull’Over a 2,15 (il 51% degli scommettitori) può esultare.

ALESSANDRIA-RAVENNA (20/3/2011): piemontesi dati vincenti nel 77% delle scommesse, a quota 1,90, il pareggio (2,85) è al 20%. L’incontro si chiude sul 2-1.

INTER-LECCE (20/3/2011): l’allerta è scattata per le percentuali eccessive sull’Over 3,5 (almeno quattro gol al novantesimo). L’esito “alto” aveva totalizzato l’80% delle giocate (con una quota passata da 2,40 a 2,00), ma il match non va oltre l’1-0.

BENEVENTO-PISA (21/3/2011): fiducia netta al Benevento (87%), offerto a 1,55. Traffico consistente anche sull’Over (a 1,92), che arriva al 70%, ma viene smentito dal risultato sul campo: 1-0.

PADOVA-ATALANTA (26/3/2011): i bergamaschi, offerti a 2,45, ottengono la maggior parte delle preferenze (58%), ma va forte anche il pareggio (2,50), che ottiene il 26%. Finisce 1-1.

RAVENNA-SPEZIA (27/3/2011): il Ravenna è il più giocato (73%), ma c’è da segnalare la forte “discesa” in quota dello Spezia, che con il 12% delle giocate passa da 4,25 a 3,60. Gli spezzini vincono per 1-0.

SIENA-SASSUOLO (27/3/2011): come per Atalanta-Piacenza le giocate impazzano. L’”1″ vale 1,55 e vola al 97%, l’esito parziale/finale “1/1” fa il paio con l’89% delle scommesse e con una quota che da 2,35 si abbassa a 1,75. I bianconeri si impongono poi per 4-0 e a festeggiare è anche chi ha puntato sull’Over (circa il 63% degli scommettitori) a 2,02.

REGGIANA-RAVENNA (10/4/2011): la Reggiana è favorita sia in quota (1,85) che nelle percentuali di gioco (83%). La “X” si ferma al 15% (a 2,70). Al fischio finale la Reggiana vince per 3-0.

Aggiornamento dell’inchiesta Last Bet.
Pirani: “5 squadre di serie A coinvolte” –  Come riportato dal sito gazzetta.it, dall’interrogatorio di garanzia al dentista Marco Pirani di ieri è emerso il coinvolgimento anche di 5 squadre di serie A Roma, Fiorentina, Genoa,Lecce e Cagliari. Gli investigatori sottolineano però che il 55 enne medico odontoiatra coinvolto nell’inchiesta, ha riferito fatti di cui “non ha conoscenza diretta” e non “circostanzia” i dettagli delle eventuali combine. Si tratta quindi per gli investigatori di “elementi tutti da approfondire”. 
Lo Presti: “Questa è una settimana fondamentale” – Oggi Pirani sarà di nuovo interrogato dalla Procura di Cremona come ha spiegato in collegamento telefonico con Radio Radio, il capo della squadra mobile della Polizia di Cremona, Sergio Lo Presti: “Pirani ha reso soltanto l’interrogatorio di garanzia, adesso verrà ascoltato sui singoli episodi. Nell’interrogatorio di garanzia si era limitato ad ammettere il suo coinvolgimento e le sue responsabilità. Le nuove partite? Bisognerà vedere se è una voce che girava negli ambienti o se aveva una conoscenza diretta e, se sì, attraverso chi. Questa è una settimana fondamentale, sicuramente la collaborazione delle persone sottoposte a indagini è molto fruttuosa, forse perché hanno capito che opporsi, per la mole di elementi che abbiamo e le conversazioni talmente esplicite che ci sono, sarebbe davvero un’impresa”.
 
La serie B si dichiara parte offesa – Intanto la serie B si è costituita persona offesa nel procedimento della Procura di Cremona sulle partite truccate. Lo riporta il sito gazzetta.it che parla della presenza a Cremona di un giovane legale milanese, Guido Camera, che ha depositato la delega per entrare a far parte del procedimento.
 
L’Albinoleffe: “Estranei ai fatti” –  Anche l’Albinoleffe prende le distanze dallo scandalo delle scommesse dopo le ultime notizie uscite sui giornali. Con un comunicato, il club “intende evidenziare fermamente la propria totale estraneità a tali incresciosi avvenimenti così come l’assoluta correttezza che da sempre contraddistingue il proprio operato. La Società inoltre sottolinea la piena fiducia nel comportamento dei propri tesserati – continua la nota – da sempre improntato ai principi di lealtà e rispetto delle regole, così come pone assoluto affidamento nelle indagini degli organi inquirenti”. L’Albinoleffe è impegnato nella sfida playout, per questo motivo “ritiene doveroso e necessario concentrarsi unicamente sulla fondamentale partita di sabato 11 giugno contro il Piacenza e pertanto precisa altresì che sino a tale data non rilascerà ulteriori comunicazioni ufficiali in merito riservandosi, nel caso, di tutelare il proprio nome, la propria immagine ed onorabilità unicamente nelle sedi competenti”. (fonte Repubblica.it)
 
La reazione del presidente del Coni Petrucci – “La ’piaga’ del calcioscommesse puo’ essere debellata unendo le forze”. Il presidente del Coni Gianni Petrucci ha ribadito davanti al Consiglio nazionale la sua “indignazione per come viene infangato il mondo del calcio”. “Il calcio – sottolinea – e’ un fenomeno di grande rilevanza sociale e non merita di essere offeso in questo modo. In un organismo possono esserci cellule nocive e per combatterle e’ necessaria una terapia di contrasto, rafforzando gli anticorpi e colpendo le cellule malate”. (fonte Ansa)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.