Quantcast

Centinaia di “briganti” lungo i sentieri tra Vigoleno e Vernasca foto

Sono state quasi 500 le persone che ieri sera si sono travestite da pellegrini e hanno partecipato alla “Notte dei Briganti”, una passeggiata notturna attraverso i sentieri che collegano Vigoleno e Vernasca.

Più informazioni su

Sono state quasi 500 le persone che ieri sera si sono travestite da pellegrini e hanno partecipato alla “Notte dei Briganti”, una passeggiata notturna attraverso i sentieri che collegano Vigoleno e Vernasca. E tra fisarmoniche, pifferi, fuochi d’artificio, assalti di briganti e mendicanti c’è stato soprattutto il tempo di mangiare e bere i prodotti tipici del territorio della Val d’Arda.
 
Il cammino ha avuto inizio dalle 21.30 dal castello di Vigoleno. Ai tavoli per l’iscrizione si sono presentate 425 persone, più del doppio di quelle attese dagli organizzatori; ai partecipanti è stata consegnata una mappa, i buoni-cibo da utilizzare nelle tappe lungo il sentiero e una maglietta celebrativa dell’evento. Dal castello i pellegrini hanno poi cominciato il loro percorso di 8 km che li ha portati fino ai piedi della pieve di Vernasca. Il cammino, illuminato da una luna piena che si è fatta vedere a tratti, è durato circa 3 ore.
 
Durante il percorso tra i vecchi sentieri utilizzati dai briganti durante il medioevo sono state allestite 5 tappe enogastronomiche, ognuna con una specialità diversa: salamelle, pizze, salame nostrano, focacce con il crudo, anguria. E naturalmente non poteva mancare il vino, dal rosso al bianco, fino alla sangria. Qualche disguido organizzativo nella distribuzione del cibo c’è stato, ma è ampiamente giustificabile dall’altissima presenza di pellegrini sul percorso e dal fatto che è stata solo la prima edizione.
 
Tante le famiglie e i bambini che hanno voluto partecipare a questo evento unico. La bellezza dei luoghi, la suggestione di poter camminare di notte lungo le colline dei vigneti, ha attirato viandanti da tutte le province limitrofe. 
 
All’arrivo a Vernasca i partecipanti sono stati poi riportati con un pulmino a Vigoleno, non prima di aver assaggiato una pastasciutta ai funghi cucinata dalla Pro Loco.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.