Quantcast

Gervasoni, vittima e complice di Paoloni

Passeranno ancora diverse settimane prima che il difensore del Piacenza sia ascoltato dagli inquirenti che stanno indagando sul caso Last Bet, ma la posizione del giocatore desta non pochi sospetti per il doppio ruolo di vittima e complice di Paoloni

Più informazioni su

Gervasoni è parte lesa con la maglietta della Cremonese, quando finisce avvelenato con altri quattro compagni dal Minias sciolto nelle borracce, durante la partita contro la Paganese: tornando a casa va a schiantarsi in auto. Ed è invece indagato per la presunta combine di Bergamo, quando nella seconda parte della stagione passa al Piacenza e si sarebbe venduto la partita contro l’Atalanta. Gervasoni è al tempo stesso vittima di Paoloni e complice della sua organizzazione criminale. Due ruoli troppo antitetici per non attirare l’attenzione degli investigatori.

Così Niccolò Zancan de La Stampa descrive Carlo Gervasoni, il difensore ad oggi ancora in biancorosso, che avrebbe destato più di un sospetto per i suoi comportamenti in campo, confermati dalle frequenti citazioni tra gli scommettitori dell’inchiesta Last Bet. Ad oggi Gervasoni risulta “irreperibile”: sparito sia da Legnano che da Acqui Terme. Sarà ascoltato dai magistrati di Cremona, essendo indagato, ma senza fretta, fanno sapere dalla Procura, “probabilmente a fine estate”.

Undici giorni per salvare il Piacenza Calcio. Il punto della situazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.