Quantcast

L’assessorato alla montagna: "Monitorare le iniziative territoriali"

I dati, raccolti in un documento riassuntivo, verranno presto illustrati agli amministratori del territorio in una giornata “di approfondimento concreto e di proposte – precisa l’assessore Patrizia Barbieri – per lo sviluppo della montagna”.

Più informazioni su

L’assessorato alla montagna della Provincia, dopo aver messo a disposizione i propri uffici per il supporto tecnico sulla redazione dei Psc Comunali (il cui valore e le cui funzioni – in base alla legge regionale – possono essere mutuate dal Piano territoriale di coordinamento provinciale), lancia il monitoraggio di tutte le iniziative per i territori montani: un bilancio dei fondi stanziati, del loro impiego e degli effetti che hanno avuto sul territorio per indirizzare le politiche future nell’ottica della condivisione di obiettivi comuni.

I dati, raccolti in un documento riassuntivo, verranno presto illustrati agli amministratori del territorio in una giornata “di approfondimento concreto e di proposte – precisa l’assessore Patrizia Barbieri – per lo sviluppo della montagna”. “Un modo – sottolinea l’assessore – per accendere i riflettori sui comuni montani e per coinvolgere i sindaci in scelte condivise”.

Per aggiornare la commissione provinciale competente sulle novità avviate, questo pomeriggio è stata convocata una seduta ad hoc. Tra le iniziative che l’assessorato sta portando avanti, con il supporto di un ufficio dedicato, ci sono anche: l’approfondimento sulle zone franche urbane, “ancora di difficile realizzazione per mancanza di risorse a livello centrale” sottolinea Barbieri; la possibilità da parte delle grandi strutture di vendita di “adottare” i negozi di montagna. Tra i temi sul tavolo anche le prospettive del progetto “Vivasworld” di Carlo Devoti.

“Il sostegno tecnico dei nostri uffici, a disposizione per consentire ai municipi con meno di 5mila abitanti, che facciano parte di Unioni o Comunità montane, di attribuire al Piano territoriale di coordinamento provinciale il valore e gli effetti di Piano strutturale comunale, è una risposta di sussidiarietà alle esigenze della pianificazione – spiega l’assessore Barbieri –. Una risposta che consente ai comuni di alleggerire il carico tecnico ed economico di una partita importante come il Psc e strumenti correlati. Riteniamo inoltre che l’accompagnamento dei Comuni di montagna nella redazione del proprio strumento pianificatorio sia un modo per iniziare a ragionare in termini di territori allargati e un importante fattore di promozione di politiche di area vasta”. “Per quanto riguarda – sottolinea l’assessore – il monitoraggio in atto, pur nella salvaguardia delle competenze e degli specifici indirizzi di ciascun assessorato, si vuole monitorare per coordinare l’azione dei vari settori.

Dalla protezione civile alle infrastrutture, dall’agricoltura al turismo la mappatura consentirà di avere a disposizione un quadro dei fondi stanziati, il loro impiego e il risultato territoriale espresso. Una sinergia tra assessorati che pensiamo possa dare un contributo importante per la convergenza verso obiettivi condivisi, l’ottimizzazione delle risorse, la promozione di politiche d’ambito”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.