Muti, Lella Costa, Don Gallo e tanto altro nell’estate culturale 

E’ stato presentato il cartellone culturale dell’estate 2011 a Piacenza: un programma (in allegato a fondo pagina scaricabile) ricco e variegato con alcuni big e graditi ritorni.

Più informazioni su

E’ stato presentato il cartellone culturale dell’estate 2011 a Piacenza: un programma (in allegato a fondo pagina scaricabile) ricco e variegato con alcuni big e graditi ritorni. Spiccano naturalmente il concerto dell’orchestra Cherubini al Municipale, diretta dal maestro Riccardo Muti il 6 luglio, il “Recital” di Lella Costa e lo spettacolo scritto da Don Andrea Gallo. Per il capitolo ritorni c’è la Kocani Orkestar, ensemble macedone che aveva infiammato un capodanno in piazza.

“Gli eventi dell’estate piacentina saranno di diversa tipologia e in svariate location” ha spiegato l’assessore Paolo Dosi. Protagonista sarà la musica: dai concerti di musica classica e di jazz organizzati dal Conservatorio Nicolini al Festival blues in programma dal 19 al 26 giugno, per tutta l’estate PIacenza ospiterà tantissimi musicisti provenienti da tutte le parti del mondo. Da segnalare infatti anche una serie di concerti di world music organizzati dalla cooperativa Fedro e i piacevoli ritorni de “Lultimaprovincia”, spettacoli teatrali curati dai Manicomics, e della “Musica ai Giardini”

Continua anche l’appuntamento monografico del Cavaliere Azzurro Festival con i grandi monologhisti italiani, protagonisti del teatro di narrazione. Dopo Dario Fo, Gioele Dix, Stefano Benni, non poteva mancare un’artista che ha con Piacenza un particolare legame: Lella Costa.

Lella Costa torna a Piacenza con un omaggio alla città a cui propone la una galleria antologica dei suoi personaggi più amati, sofferti, vissuti: da Amleto a Traviata da Alice a Euridice   

“Per me questo spettacolo – afferma Lella Costa – che è un vero e proprio percorso professionale, è un momento di grande gioia e soddisfazione: mi sento come le compagnie all’antica italiana, quelle che giravano con diversi spettacoli in cartellone, pronti a mettere in scena quello che il teatro, o il pubblico, richiedeva. C’è la continua verifica dei mutamenti, sia miei come autrice e interprete, che del mondo intorno; c’è lo stupore e il divertimento di notare che cosa è “invecchiato” irrimediabilmente (molto attualità, ma molto di più la cosiddetta satira politica), e che cosa invece sfida il tempo e i tempi, che notoriamente cambiano. E poi ci sono le cose nuove, più recenti: piccoli spunti, battute legate a eventi effimeri (e che quindi durano un paio di repliche, niente di più: nulla è più patetico di una battuta invecchiata), cose scritte magari per altri spettacoli e mai utilizzate, insomma il gioco continuo dell’incastrare e sovrapporre storie. Che, se non pecco di immodestia, è il mio mestiere. E quelli che dicono che è il più bello del mondo, bè, aspettano invano di essere smentiti”.

La presentazione degli eventi è avvenuta questa mattina in municipio con l’assessore alla Cultura Paolo Dosi e i rappresentanti delle varie associazioni che hanno collaborato alle iniziative.

Il programma culturale integrale

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.