Orzorock, successo per la musica in riva al Trebbia a Gragnano

Successo pieno per la 14esima edizione di Orzorock, la rassegna musicale in riva al Trebbia di Gragnano. Tanta musica di qualità fino a tarda notte sotto la luce dei generatori.

Più informazioni su

Successo pieno per la 14esima edizione di Orzorock, la rassegna musicale in riva al Trebbia di Gragnano. Tanta musica di qualità fino a tarda notte sotto la luce dei generatori.
Sul palco si sono alternati gli X-Mary, Deportivo La Bonissima, Hijackers on the hip, Zebra Fink, Erica’s, The Tuesday e dj Nojah, presenti anche gli immortali Misfatto e i Dark Horizon, autentico pezzo di storia heavy-rock non solo in territorio piacentino.  
 
“Orzorock Festival”, organizzato come sempre dall’omonima Associazione Orzorock, patrocinato dal Comune di Gragnano, realizzato in collaborazione con il Collettivo 51 ma anche con Cycling Zone Piacenza e la scuola Arte Musica di Rottofreno, e sostenuto da un immutato slancio volontaristico di tante persone e tanti ragazzi pronti a rimboccarsi le maniche.
 
Quella di Orzorock è una storia pura e onesta. Racconta Gabriele “Gaby” Finotti, uno dei suoi  instancabili animatori di sempre nonché storica chitarra dei Misfatto: «il festival nacque con lo spirito di un concerto selvaggio e pacifico. La festa del ’94 si chiamava “Trebbia Live”, poi dopo un anno di stop nel ’96 nacque Orzorock. E nel 2011 l’entusiasmo che si trasmette tra le generazioni è immutato: anche se uno strano mescolamento di generi ha preso piede, il rock rimane una musica energica per giovani di tutte le età».  
 
Attraversando edizioni memorabili – quella del ’99 con Chiara e gli Scuri (il gruppo di allora dell’oggi celebre Nina Zilli), quella del 2005 con l’incontenibile “spacca lampade” Lord Bishop, la due giorni “woodstockiana” del ’98 e quella del 2007, con 22 band in occasione della decima edizione, oltre all’annata 2009, con i Ministri in veste di ospiti speciali – 
l’anima di Orzorock passa indenne attraverso le impietose maglie del tempo e si prepara a regalare una ennesima folle e liberatoria nottata all’insegna della musica originale di qualità.  
 
Dal deflagrante rock demenziale dei  lodigiani X-Mary  al  poderoso  crossover  impegnato  dei Deportivo  all’hard-rock dalle venature psichedeliche dei veterani Misfatto, passando per il garage-punk tritatutto degli Hijackers, il rock/grunge degli ormai maturi Zebra Fink a fare il paio con il fine rock italiano degli Erica’s, dal brit-rock dei The Tuesday (ex 7th Heaven) agli animali di razza Dark Horizon, Orzorock promette bene. Ancora una volta.  
 
PROGRAMMA 
 
ORE 17  20 – “Waiting for Orzorock” – Piscina di Gragnano 
Aperitivo a bordo vasca con: 
–  Concerto dell’Accademia della Musica di Rottofreno “Arte Musica” 
–  Spinning-Rock a cura di Gianpiero Faccini del gruppo “Cyclingzone” 
 
ORE 20 – Apertura stand gastronomici e Orzorock Festival, nel letto del Trebbia a Gragnano 
Inizio concerti ore 21.30 
–  The Tuesday – Brit-Rock 
–  Dark Horizon – Heavy-Rock 
–  Erica’s – Rock italiano 
–  Misfatto – Trip-Rock 
–  Zebra Fink – grunge/rock 
–  Hijackers on the hip – garage/punk’n’roll 
–  Deportivo LB – crossover/brutal-pop 
–  X-Mary – rock demenziale 
–  Dj Nojah – rock/elettronica 
 
Per informazioni: 333.1396830 / 333.6308859 / orzorock@hotmail.com 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.