Quantcast

Rdb, la Provincia chiede il tavolo al Ministero. Paparo: “Preoccupati”

L’assessore provinciale Paparo ha incontrato stamattina i rappresentanti sindacali del settore costruzioni Dario Bellocchi (Feneal Uil), Marco Carini (Fillea Cgil), e Paolo Carrera (Filca Cisl).
 

Più informazioni su

Formalizzata dalla Provincia la richiesta di un tavolo ministeriale sul futuro dell’Rdb, in attesa della definizione della data. A livello territoriale l’assessore provinciale Andrea Paparo sta anche definendo i termini  del vertice provinciale. Confermato per il 24 giugno l’incontro nazionale  tra il gruppo Rdb e i sindacati.
In vista di questi appuntamenti Paparo ha incontrato stamattina i rappresentanti sindacali del settore costruzioni Dario Bellocchi (Feneal Uil), Marco Carini (Fillea Cgil), e Paolo Carrera (Filca Cisl).
Nel corso della seduta istituzioni (l’assessore Paparo in queste ore si è sentito con diversi sindaci dei Comuni nei quali si trovano stabilimenti RDB)  e sindacati hanno confermato la preoccupazione per eventuali ridimensionamento e riorganizzazione della produzione, che porterebbero con sé gravi problemi occupazionali e un impoverimento complessivo del tessuto produttivo locale. 
L’assessore e i sindacati hanno analizzato i contenuti del comunicato del cda aziendale del 10 giugno scorso.  Il comunicato rendeva nota la manifestazione di interesse espressa – a titolo non vincolante – da Alias Srl, per il tramite della sua controllata Sacci Spa, per un intervento nel capitale di Rdb. La notizia è stata accolta con la dovuta cautela, in attesa di informazioni più dettagliate. “La Provincia – dice Paparo – sta mettendo in campo le proprie competenze di coordinamento, per promuovere – ad ogni livello – tavoli di confronto tra istituzioni, proprietà e sindacati nell’interesse dell’azienda, del territorio e dell’occupazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.