Quantcast

Il vescovo: "Antonino d’oro segno di gratitudine a don Bosini" FOTO e VIDEO  foto

Nella Basilica di S. Antonino la cerimonia religiosa per il Santo Patrono con la tradizionale consegna dei ceri da parte delle autorità laiche a quelle religiose. In programma l’assegnazione a Don Giorgio Bosini dell’Antonino d’Oro 2011

Più informazioni su

Nella Basilica di S. Antonino la cerimonia religiosa per il Santo Patrono con la tradizionale consegna dei ceri da parte delle autorità laiche a quelle religiose. In programma l’assegnazione a Don Giorgio Bosini dell’Antonino d’Oro 2011.

Nell’omelia il vescovo Gianni Ambrosio ha detto: "Sant’Antonino non e’ solo il patrono della nostra città ma ne e’ il simbolo stesso, come se Piacenza fosse rappresentata da un giovane santo, coraggioso, morto per amore. E’ questo il valore che dovrebbe essere al centro della convivenza cittadina, il cuore pulsante di Piacenza. L’ assegnazione dell’Antonino d’oro e’ un segno di gratitudine nei confronti di don Giorgio Bosini e di chi come lui ha dedicato la propria vita ad aiutare persone segnate da disagi e fragilità. Il pensiero non può non andare al giovane volontario di Milano, che ha sacrificato la sua vita per salvare due giovani dal mare di Ravenna. Don Giorgio ha detto che la vocazione di aiutare le persone gli e’ arrivata dalla voce di una giovane donna. Anche oggi possiamo sentire voci che, seppur in modo sommesso, chiedono aiuto. Sto parlando dei giovani, sia piacentini che extracomunitari, e le tante persone che vivono in una situazione di precarietà lavorativa".

ECCO IL TESTO INTEGRALE DELL’OMELIA

Carissimi fratelli e carissime sorelle
 
1. Suscita sempre stupore il fatto che il patrono della nostra città di Piacenza e della comunità ecclesiale diocesana sia un giovane che ha professato la fede nel Signore fino al martirio. Ed è pure motivo di stupore il fatto che la memoria di questo giovane martire continui ancora oggi, a distanza di 1.700 anni. Lo stupore suscita il rendimento di  grazie. Siamo un popolo che sa di essere amato da Dio e che, nelle vicende della storia, fa memoria della morte e risurrezione del Signore Gesù: così vive di fede, di speranza e di carità. Siamo una comunità che desidera incontrare tutti per offrire il Vangelo di Gesù, luce e forza del nostro cammino. Il ‘luogo’ dell’incontro è in quelle dimensioni fondamentali della vita di tutti: le relazioni, la fragilità, la cittadinanza. Lì, nel cuore della vita, ci ritroviamo insieme per ascoltare, per proporre, per darci una mano, per trasmettere ragioni di vita. È la nostra Missione: condividere la Parola del Signore e le esperienze della vita. È la nostra pastorale quotidiana: con la preghiera rivolta al Signore, con l’impegno caritativo rivolto a tutti, con il lavoro educativo con i ragazzi e i giovani, con gli oratori, con i grest e i campi estivi.
  
2. Celebrando e invocando il santo patrono, siamo invitati ad apprezzare la fondamentale continuità della nostra comunità lungo i secoli. Con gratitudine possiamo riconoscerci figli di quei nostri padri che, nel corso del tempo, hanno costruito e trasmesso a noi una città, una storia, un ambiente di vita, una tradizione: noi siamo eredi di un grande patrimonio di umanità, di cultura, di spiritualità, di vita cristiana. Possiamo far ricorso all’espressione dell’apostolo Paolo che abbiamo ascoltato nella seconda lettura: egli parla di un “tesoro”, riferendosi al servizio che egli compie per i cristiani di Corinto, la missione di annunciare Gesù Cristo. Possiamo ben dire che anche a noi è stato trasmesso un “tesoro” di cui essere sempre consapevoli. Anche perché, come ancora l’apostolo Paolo ci ricorda, si tratta di “un tesoro in vasi di creta”, in vasi fragili, che possono rompersi. Siamo dunque invitati ad avere molta cura del “tesoro” ricevuto, continuando quelle scelte che i nostri padri hanno saputo compiere nelle difficoltà del loro tempo: è la strada del servizio e della responsabilità. 

3. Sant’Antonino non è solo il patrono ma è anche il simbolo della nostra città. Come se Piacenza – la Piacenza del passato e, speriamo, quella di oggi – volesse dire che proprio nella figura di un giovane, di un giovane santo e coraggioso fino al martirio, si esprime al meglio, come ideale, il desiderio dei suoi concittadini, e cioè che al centro della convivenza cittadina ci sia l’amore. Il santo è infatti il segno vivo dell’amore: il santo accoglie in sé Dio, che è amore, e vive di questo amore nelle sue relazioni con i fratelli e le sorelle. Se poi, come nel nostro caso, il santo patrono è un martire che ha testimoniato con la vita la fede in Dio, allora abbiamo un ulteriore motivo per far valere ciò che veramente conta, lasciando da parte i tanti idoli seducenti che annullano la nostra libertà.
Celebrando sant’Antonino e riconoscendolo come figura ideale di vita, noi siamo invitati a riaffermare che il cuore della nostra città pulsa non per la ricchezza o per il successo o per il potere ma per quella forza grande che è l’amore. Questa scelta fatta nel passato dai nostri padri ha permesso alla nostra città di volare alto: l’amore è la via della vita che edifica in pienezza l’umano e lo incammina verso Dio, fonte della vita e dell’amore. È una scelta che non può essere dimenticata oggi, perché anche oggi abbiamo bisogno di volare alto, superando le visioni riduttive dell’uomo e della convivenza civile. Dobbiamo aiutarci a vivere nella logica sempre nuova dell’amore, prendendoci cura gli uni degli altri con la forza e con la fedeltà dell’amore. Non in nome di un ideale generico, ma vivendo fino in fondo, senza timori, la logica evangelica del chicco di grano che, se entra nella terra e muore, arriva a produrre molto frutto. 

4. Carissimi fratelli e sorelle, l’assegnazione dell’ “Antonino d’oro 2011” al nostro don Giorgio Bosini è un segno di gratitudine nei suoi confronti e nei confronti di tutti coloro che, insieme a lui, hanno testimoniato l’amore per ogni persona, in particolare se segnata da ferite, da disagi, da fragilità. Questo premio, conferito nella memoria del nostro santo patrono, rappresenta per la nostra città e per tutti noi una precisa sollecitazione: ravviviamo le nostre risorse di cuore e di intelligenza, perché le sfide che stanno davanti a noi possono essere affrontate solo con un di più di cuore e di intelligenza.  
Don Giorgio, in un’intervista, ha detto che è stata la voce di una ragazza che gli chiedeva di essere aiutata – “aiutami, perché mi drogo” – a spingerlo sulla strada della carità attenta e intelligente, per cercar di offrire un aiuto possibilmente valido e per testimoniare comunque e in modo fattivo l’amore di Dio. Anche oggi sono molte le voci che invocano aiuto, forse più in modo sommesso che ad alta voce. E sono molti i motivi dell’invocazione odierna, ma dietro ai diversi motivi si può scorgere il desiderio di essere e sentirsi amati e il bisogno di speranza. 

5. Desidero riferirmi in particolare a due invocazioni. La prima è quella che proviene dalla voce di molti giovani, la seconda è quella che proviene da chi vive situazioni di precarietà lavorativa.    
Per la voce dei giovani, di tutti i nostri giovani, sia quelli originari che quelli immigrati a Piacenza, mi limito ad affermare l’urgente bisogno di un contesto educativo che sappia indicare una meta e dischiudere un orizzonte di speranza e di futuro. Altrimenti diventa molto facile per i nostri giovani pensare che “la vita sia altrove”, per citare l’osservazione di un noto studioso (Z. Bauman, Vite che non possiamo permetterci, Laterza, Bari-Roma, 2011). Così si diffonde, con questo “altrove” sempre sfuggente, una mentalità consumistica e strumentale che arriva ad investire ogni ambito della vita: anche le relazioni più importanti e le esperienze più significative si disperdono in questo agitarsi inquieto di tanti giovani. 
Non possiamo restare sordi al bisogno di un vitale e serio contesto educativo per ricuperare l’orizzonte del futuro che è quasi scomparso dalla nostra vita e dalla nostra cultura, per ritornare ad apprezzare la vita nella sua realtà, per ricostruire la nostra coscienza – non solo personale ma anche sociale – con la percezione di ciò che è degno di guidare il desiderio dell’uomo e di motivare il sì o il no rispetto alle diverse possibilità che ci stanno di fronte. Possiamo e dobbiamo aiutarci, coinvolgendoci tutti in modo serio, per favorire la crescita della passione educativa: così si supera la rassegnazione, si propongono obiettivi per i quali merita di spendere la vita, si sostengono le testimonianze di uomini buoni e saggi.   

L’altra voce che invito ad ascoltare è quella che proviene da chi vive in situazioni di disoccupazione e di precarietà lavorativa. Anche nella nostra città si registrano gli effetti della crisi economica e delle difficoltà finanziarie di alcune imprese: in particolare incombe il rischio di chiusura o trasferimento di aziende storiche. Anche qui non possiamo essere fatalisti, non possiamo arrenderci gettando la spugna. È inutile ribadire che senza lavoro stabile, la vita delle persone perde dignità e diventa fragile. La mancanza di lavoro e la precarietà del lavoro sono una’emergenza sociale e etica, come lo è la questione educativa. Lo ribadiamo con forza per non perdere l’orizzonte delle priorità vere e ineludibili che una città deve garantire. Per molti lavoratori (dai cassaintegrati ai lavoratori in mobilità, dai giovani a cui è stato interrotto il contratto alle tante piccole imprese a rischio, spesso non conteggiate), l’oggi è precario e il domani è denso di incognite. A tutti è chiesto un grande sforzo per offrire le condizioni che possono favorire le soluzioni, ricordando che le sfide ci invitano a ritrovare ciò che è essenziale e a ricuperare nella comune partecipazione un rinnovato dinamismo. Di questo dinamismo abbiamo particolarmente bisogno, in quanto ci dispone alla fiducia e allo slancio creativo, non trascurando nessuna delle energie capaci di contribuire alla crescita della nostra città.   

6. Carissimi fratelli e sorelle, la memoria del nostro patrono sant’Antonino ci richiama al passato, alla lunga storia della nostra comunità, alla fede coraggiosa e alla carità operosa di molti che hanno seguito l’esempio del patrono. Ma la memoria del patrono ci rivolge l’invito ad alzare lo sguardo e a guardare avanti, sapendo nella fede che Dio è fedele e mantiene la promessa di chiamarci alla pienezza della vita. Questa fede è vita, questa fede fa vivere, questa fede incide nella storia. La invochiamo con fiducia per noi e per tutti, perché tutti abbiamo bisogno di vivere nell’amore e nella speranza. Amen.  

  + Gianni Ambrosio
Vescovo di Piacenza-Bobbio

Trespidi: "Don Giorgio strumento di Dio per il bene degli uomini"

“Don Giorgio Bosini è stato ed è strumento di Dio per il bene degli uomini”. Così il presidente della Provincia Massimo Trespidi questa mattina in Sant’Antonino per la messa e la successiva consegna al sacerdote piacentino del prestigioso Antonino d’oro. “Sono particolarmente lieto di questo riconoscimento. Don Giorgio è un amico di vecchia data, ci conosciamo dal 1985” sottolinea il presidente della Provincia.

“Don Giorgio – continua Trespidi – è un grande prete perché è un grande uomo, che incarna quell’intelligenza della fede che diventa intelligenza della realtà, come ci ricorda Benedetto XVI, e che consente ai cristiani di essere attenti e solleciti ai bisogni autentici degli uomini”

DON BOSINI "ANTONINO D’ORO" 2011

La decisione un mese fa. I Canonici del Capitolo della Basilica di Sant’Antonino martire hanno assegnato a don Giorgio Bosini il premio "Antonino d’Oro 2011", "come doveroso tributo alla sua persona e all’Associazione “La Ricerca" per tutto il bene compiuto in questi oltre trent’anni di attività".

(Il Comunicato ufficiale)

I Canonici del Capitolo della Basilica di Sant’Antonino martire, sono lieti di annunciare che hanno deciso di assegnare il premio “Antonino d’oro 2011”  al presbitero diocesano don Giorgio Bosini. Nato a Gossolengo (PC) il 2 novembre 1940,  è stato ordinato sacerdote il 22 maggio 1965. Molti e impegnativi gli incarichi che nel tempo gli sono stati affidati. Ricordiamo le nomine a vicario parrocchiale nella comunità  cittadina di Nostra Signora di Lourdes, a vice assistente diocesano ACR (Azione Cattolica Ragazzi) e a Direttore della Caritas Diocesana.  Attualmente ricopre il ruolo di Economo Diocesano, di Presidente dell’Istituto Madonna della Bomba-Scalabrini e svolge il ministero di Cappellano nella Casa Madre delle Figlie di Sant’Anna. Fino allo scorso anno è stato Presidente dell’Associazione “La Ricerca”, della quale ne è stato il fondatore. 

Il conferimento del premio vuole essere un atto di stima e di gratitudine nei confronti di don Giorgio che da quarantasei anni vive con passione, umiltà e fedeltà il ministero sacerdotale, animato da un profondo amore a Dio e a ogni persona, in particolare se segnata dal disagio e dalla fragilità. Con le sue parole e con il suo stile di vita, abbastanza schivo e riservato, ha saputo mostrare, anche a chi non vive nell’ambito ecclesiale, il senso e la bellezza contenute nella vocazione sacerdotale. E tutto questo è un grande dono, in un contesto in cui la figura del prete è spesso esposta, per vari motivi, al rischio di perdere di significato e di credibilità agli occhi di molti, in particolare dei giovani. “La vocazione, ha affermato d. Giorgio in un recente intervista a Radio Vaticana,  non è un giogo. E’ un “sì” che si dice ad una scelta di vita molto bella e se uno si fida della bontà di Dio, quando uno è aperto a questo “sì”, si possono dire anche i “no” a tante cose che magari costano”.

Un riconoscimento che gli viene consegnato nel momento in cui si stanno concludendo le manifestazioni celebrative del trentennale dell’Associazione “La Ricerca”. Una realtà che don Giorgio non ha mai definito come “sua creatura”, ma frutto di un impegno comune iniziato nel 1980, su richiesta del vescovo Enrico Manfredini, in seno alla Caritas diocesana. Insieme a un gruppo di volontari, prendendo come riferimento il modello terapeutico Progetto Uomo di d.Mario Picchi,  d.Giorgio ha raccolto la sfida di dare una risposta al disagio giovanile e alla tossicodipendenza che, in quegli anni, si stavano diffondendo anche nella nostra città e provincia. Nel tempo l’Associazione ha poi sviluppato una serie di servizi alla persona nel tentativo di dare una risposta ai problemi non solo della droga, ma anche – ad esempio -  dell’ anoressia e dell’ alcolismo. Attualmente l’Associazione La Ricerca è una struttura che può contare su una casa di accoglienza e tre comunità terapeutiche (“Emmaus”, “La Vela” e “La Luna Stellata”), ma soprattutto su un’articolata organizzazione che parte dalla prevenzione, ma passa anche attraverso la consulenza, la formazione, la progettazione, l’attività educativa e di animazione. Da non dimenticare poi che don Giorgio ha condiviso fin dall’inizio il cammino di un’altra realtà molto significativa: La Casa d’accoglienza “d.Giuseppe Venturini” per persone malate di AIDS, voluta come opera-segno della carità della nostra chiesa locale a conclusione del XVII Sinodo Diocesano. Suo intento, insieme a quello di tanti altri, è stato quello di mantenere vivo lo scopo di tale realtà, definita dai padri sinodali “come una provocazione per l’intera Chiesa diocesana a camminare sulla via del servizio e della carità operosa”.

La speranza è che quanto don Giorgio ha imparato nel contatto con tanti giovani e famiglie segnate dal disagio, possa diventare patrimonio di tutti. Più volte ha affermato: “Si impara prima di tutto ad ascoltare, a guardare le persone non per come appaiono, ma per quello che sono dentro. Ho imparato l’onestà con me stesso, riconoscendo che il Signore, quando ti fa incontrare i poveri, ti dà un beneficio. Non è un problema in più. A me ha fatto crescere molto sul piano umano e nel rispondere al vero bisogno di ogni persona”. E da ultimo, occorre raccogliere il suo invito a investire nell’educazione, perfettamente in linea con gli orientamenti pastorali Educare alla vita buona del Vangelo elaborati dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI) per i prossimi dieci anni: “Dobbiamo puntare sulla prevenzione, sull’educazione, sulla scuola e sulla famiglia. Lavorare perché un ragazzo stia bene e non aspettare che stia male per intervenire”. Pur conoscendo la sensibilità di don Giorgio, poco propenso all’ esposizione mediatica e a ricevere onorificenze ecclesiali e civili, il Capitolo dei Canonici ha valutato opportuno chiedergli di accettare tale premio,  come doveroso tributo alla sua persona e all’Associazione “La Ricerca" per tutto il bene compiuto in questi oltre trent’anni di attività.  Il premio “Antonino d’oro”, giunto alla 25^ edizione, viene annualmente sponsorizzato e patrocinato dalla  Famiglia Piasinteina. Verrà consegnato personalmente dal vescovo Gianni Ambrosio lunedì 4 luglio p.v. nella Basilica Sant’Antonino a conclusione della solenne celebrazione eucaristica delle ore 11.00.
Per il Capitolo dei Canonici di sant’Antonino
Il Presidente Can. Sac. Giuseppe Basini
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.