Quantcast

Auto nel posto per disabili e documenti falsi, 36enne in manette

Un controllo per un parcheggio effettuato all’interno di un posto riservato ai disabili è costato l’arresto per un albanese di 36 anni trovato in possesso di patente e carta d’identità falsi. Processato per direttissima, è stato condannato ad un anno.

Un controllo per un parcheggio effettuato all’interno di un posto riservato ai disabili è costato l’arresto per un albanese di 36 anni trovato in possesso di documenti falsi. Tutto è successo l’altra mattina poco dopo mezzogiorno, quando una volante della polizia ha notato in via Capra a Piacenza una vettura in sosta in uno spazio per disabili priva del pass necessario. Il proprietario, che si trovava in un bar poco distante, alla richiesta dei documenti ha mostrato una patente di guida romena che ha subito insospettito gli agenti. Anche il documento di identità in suo possesso presentava alcune anomalie e l’uomo è stato condotto in questura per accertamenti. Patente e carta d’identità erano state contraffatte: il 36enne non era cittadino rumeno ma albanese e con diversi precedenti alle spalle. Una scoperta che ha provocato la sua reazione, con minacce e insulti agli agenti. Arrestato e processato per direttissima, è stato condannato ad un anno per possesso di documenti falsi, resistenza e false dichiarazioni a pubblico ufficiale, con obbligo di dimora disposto presso l’abitazione di un parente a Borgonovo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.