Calcioscommesse, primi verdetti. Il Chievo patteggia

Arrivano i primi verdetti dal processo di primo grado sul calcioscommesse in corso da stamattina a Roma che coinvolge anche il Piacenza e il giocatore Carlo Gervasoni e la cui sentenza è attesa per lunedì 

Arrivano i primi verdetti dal processo di primo grado sul calcioscommesse in corso da stamattina a Roma che coinvolge anche il Piacenza e il giocatore Carlo Gervasoni e la cui sentenza è attesa per lunedì. La commissione disciplinare ha accolto la richiesta di patteggiamento presentata dal Chievo, che dovrà pagare un’ammenda di 80mila euro. Ha patteggiato anche il calciatore Micolucci dell’Ascoli: per lui una squalifica di un anno e due mesi. Respinte le istanze di Furlan (Portogruaro) e Zaccanti (Chiavari) che avevano proposto di patteggiare rispettivamente 6 e 8 mesi di squalifica.

Rigettata anche l’istanza del Varese, che chiedeva il ripescaggio per l’eventuale retrocessione dell’Atalanta. Ammesse invece quelle di Monza (ripescaggio in caso di retrocessione dell’Alessandria), Triestina (ripescaggio in caso di retrocessione dell’Ascoli), Alto Adige e Frosinone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.