Quantcast

Crack finanziari, a Piacenza risarcimenti per 1,8 milioni di euro

43 milioni di euro. E’ quanto sono riusciti a recuperare, grazie all’aiuto degli avvocati di Federconsumatori, molti dei cittadini emiliano romagnoli vittime dei crack finanziari degli ultimi anni, dai bond argentini alle obbligazioni di Cirio e Parmalat.

Più informazioni su

43 milioni di euro. E’ quanto sono riusciti a recuperare, dal 2005 al 2010 grazie all’aiuto degli avvocati di Federconsumatori, molti dei cittadini emiliano romagnoli vittime dei crack finanziari degli ultimi anni, dai bond argentini alle obbligazioni di Cirio, Parmalat, Giacomelli, fino ai piu’ recenti casi legati al fallimento di Lehman Brothers. Il tutto attraverso migliaia di cause legali e trattative con le banche che avevano venduto titoli ‘spazzatura’, .

A Piacenza 156 ricorsi hanno permesso di "salvare" 1,8 milioni di euro; le cifre piu’ consistenti in regione sono state recuperate nelle province di Ferrara (9 milioni), Rimini (8,5 milioni), e Modena (6,9 milioni)

Complessivamente l’associazione ha seguito circa 3.000 clienti, ottenendo 1419 sentenze favorevoli. 9.378 sono stati i patteggiamenti con le banche raggiunti nell’ambito dei processi di Milano contro Parmalat e Cirio, con 8,7 milioni recuperati per 1.563 risparmiatori. A questi si aggiungono altri 1.419 emiliano-romagnoli, ai quali sono stati ‘restituiti’ 34,1 milioni di euro.

In media i clienti gabbati sono riusciti a recuperare nelle transazioni tra il 70 e l’80% degli investimenti, ma nei casi arrivati a sentenza il giudice ha riconosciuto talvolta anche piu’ del 100%, attribuendoanche gli interessi mancati su altri investimenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.