Quantcast

Grassi (Fiva): “Ambulanti maleducati banditi dal Mercato Europeo 2012”

Gli organizzatori del Mercato Europeo presa visione delle segnalazioni esposte dall’Associazione “Amici del Facsal” rispondono per voce del Presidente nazionale FIVA Confcommercio Imprese per l’Italia, Giacomo Errico e, con un chiarimento del Presidente provinciale FIVA Confcommercio Piacenza Angelo Grassi.

Più informazioni su

Comunicato stampa Fiva Piacenza 

Gli organizzatori del Mercato Europeo presa visione delle segnalazioni esposte dall’Associazione “Amici del Facsal” rispondono per voce del Presidente nazionale FIVA Confcommercio Imprese per l’Italia, Giacomo Errico e, con un chiarimento del Presidente provinciale FIVA Confcommercio Piacenza Angelo Grassi.

“In qualità di responsabili tecnici dell’organizzazione del Mercato Europeo – afferma Giacomo Errico – prendiamo atto delle segnalazioni esposte dall’Associazione Amici del Facsal e, possiamo tranquillamente affermare, per quanto ci riguarda, di aver messo in atto tutti gli accorgimenti possibili, nonché di aver fornito le dotazioni necessarie ad evitare un impatto disastroso fra mercato e viale Pubblico Passeggio. Evidentemente e questo è un dato di fatto, non ci siamo riusciti in misura significativa”. “Tuttavia – prosegue Errico _ va detto che oltre alla disponibilità di servizi igienici, oltre alla distribuzione di contenitori per gli oli esausti e/o di frittura, oltre alla puntuale verifica degli accorgimenti e delle attrezzature per il mantenimento delle temperature, oltre cioè alla normale azione di controllo che siamo soliti diligentemente svolgere, ci preme sottolineare che fatto ciò, non spetta più a noi provvedere alle contestazioni ed alle sanzioni”. “Crediamo altresì – continua Errico – che non sia neppure corretto peraltro generalizzare quattro o cinque episodi su tutto il mercato che era composto, ricordiamo, da oltre 150 operatori”. “Quest’anno – interviene il Presidente provinciale Angelo Grassi – abbiamo posto particolare attenzione alle segnalazioni che già nell’edizione 2010 gli Amici del Facsal avevano evidenziato e, tra queste la collocazione dei bagni chimici a completamento di quelli pubblici e di quelli messi a disposizione dai numerosi pubblici esercizi che operano in zona, la distribuzione di tantissimi contenitori di oli esausti, il tutto accompagnato dalla diligente attenzione al rispetto del luogo che ospita questa importante ed impegnativa manifestazione”.
“Spiace costatare – continua Angelo Grassi – che ancora non siamo riusciti ad eliminare tutte le difficoltà che sono state evidenziate, ma unitamente al Presidente Errico possiamo assumere un impegno: grazie alle foto scattate dagli Amici del Facsal, abbiamo individuato i responsabili delle violazioni più eclatanti, possiamo perciò assicurare che, se ci sarà un’altra edizione del Mercato Europeo sul Pubblico Passeggio questi espositori non saranno ammessi”.
“Ci teniamo, però, ad evidenziare – conclude Angelo Grassi – che il Mercato Europeo è comunque un evento che vivacizza la nostra città con un ritorno economico per i bar,per i ristoranti, e per gli alberghi piacentini che vedono occupate per il week end tutte le loro camere. Sottolineiamo, inoltre, l’enorme consenso che anno dopo anno il mercato riscuote tra i piacentini e gli altri numerosi visitatori. Detto questo però, non vogliamo che l’organizzazione del Mercato Europeo sia in alcun modo un motivo di scontro con nessuno e, se non si riuscirà a farlo pienamente condividere ed accettare, valuteremo seriamente se proseguire nelle prossime edizioni o se  con dispiacere, passare la mano ad altre numerosissime città italiane che lo vorrebbero ospitare, città che sono in lista d’attesa da molti anni e non sperano altro che qualcuno si ritiri da questo circuito”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.