Ziano, il Valtidone Wine Fest sposa la rassegna dell’uva

Trenta le cantine in passerella, Malvasia protagonista. L'assessore provinciale Pozzi: "Siamo su cinquanta quotidiani e riviste. E ricorda la figura di Gaetano Lusenti. 

Seconda “puntata” del Valtidone Wine Fest oggi a Ziano. La rassegna itinerante di vallata ha sposato la tradizionale festa dell’uva del paese. Dopo il taglio del nastro istituzionale delle 10, gli stand hanno aperto i battenti e il pubblico ha potuto degustare la Malvasia – grande protagonista odierna – di una trentina di cantine espositrici, nelle sue declinazioni: ferma, frizzante e spumante.

Apertura in musica. In avvio di giornata la vocale “Girolamo Parabosco” ha proposto alcuni canti della tradizione popolare di Ziano, arrangiati dal maestro Giuseppe Parmigiani. A guidare il coro la direttrice Dionilla Morlacchini. L’esibizione ha fatto da cornice ai discorsi istituzionali d’apertura, durante i quali l’assessore Filippo Pozzi ha annunciato che – grazie alla rassegna di vallata  – la Valtidone, quest’anno, si è già guadagnata circa cinquanta uscite sulla stampa nazionale. Dai quotidiani generalisti ai periodici di settore, passando attraverso i portali web (primo tra tutti il noto sito “Libero”).

Pozzi ha posto l’accento sull’”enorme impegno dei produttori”, specificando che la rassegna è dedicata innanzitutto a loro, “è – ha sottolineato – uno sforzo per rendere sempre più competitive e fornire nuove opportunità alle nostre cantine, tramite una forma di comunicazione coordinata, con l’importante sinergia e collaborazione dei Comuni, delle Pro loco e delle associazioni locali”. L’assessore provinciale ha ricordato, in chiusura di discorso, la figura di Gaetano Lusenti, storico produttore recentemente scomparso e ha rivolto le proprie condoglianze ai familiari.

Con Pozzi il sindaco Manuel Ghilardelli, una folta rappresentativa di amministratori da tutta la Valtidone, il parlamentare Tommaso Foti e il consigliere regionale Andrea Pollastri. Nel pomeriggio nuovo calendario di iniziative. In piazza sfilata di auto d’epoca e rosse Ferrari, alle 15,30 la corsa provinciale delle botti, un’ora dopo quella dei tradizionali carri allegorici, con la colonna sonora curata dall’associazione Doremusic di Busseto.

E ancora, per il paese, presenti: enogastronomia, il banco di beneficenza, il mercatino dei libri usati, la lotteria. Tra gli stand anche un soffio di Francia, allestito dai cugini di Pont De L’Isere, comune gemellato con Ziano, che ha proposto un assaggio dei propri vini. Alle 21,30 ballo liscio in piazza con l’orchestra “Colori e musica”. Domenica prossima passiti grandi protagonisti a Nibbiano. Si chiude il 25 settembre con i frizzanti, a Pianello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.