Quantcast

Abolizione del Coni provinciale, giovedì assemblea straordinaria

Proteste in vista per la decisione presa a livello nazionale dal presidente Petrucci.

Più informazioni su

Addio al Coni provinciale: la decisione, presa  dal presidente nazionale Giovanni Petrucci e già approvata dalla Giunta e dal Consiglio Nazionale del Comitato nazionale olimpico italiano, prevede l’abolizione delle articolazioni provinciali territoriali e il loro accorpamento alle strutture regionali. Per discutere della novità giovedì prossimo si svolgerà all’auditorium del Coni di via Calciati un Consiglio straordinario del Comitato Olimpico Piacentino con all’Ordine del giorno le comunicazioni del presidente Provinciale, Stefano Teragni sulla decisione.
 
Proteste in vista. In realtà vicine alla nostra, come in Lombardia, i presidenti valuteranno se dimettersi per protesta. "L’unico risparmio dalla chiusura del comitato di Lodi – commenta Luigi Tosarello, presidente del comitato di Lodi – sarà la quota dell’affitto e delle spese vive, come le bollette: non più di diecimila euro all’anno. Quanto al personale dipendente, questo verrà assorbito nei comitati regionali. A pagare dazio sarà invece il movimento sportivo locale e la sua autonomia: che ne sarà di iniziative come la giornata olimpica, o sport in piazza, che tra l’altro cerchiamo sempre di autofinanziarci a livello locale con gli sponsor del territorio?".
Insomma, se i paventati – e mai realizzati – tagli alle province avrebbero avuto l’effetto della riduzione della classe politica, in questo caso i risparmi sarebbero ridotti.
 
Le attività. Tante le iniziative organizzate dal Coni anche a Piacenza, basti pensare ai Giochi della Gioventù, che la scorsa primavera hanno coinvolto oltre mille ragazzini al campo Daturi, impegnati in tutti gli sport. Diversi poi gli eventi per promuovere lo sport a 360 gradi, sul Pubblico passeggio o in piazza Cavalli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.