Quantcast

Arriva a Palazzo Garibaldi "Il respiro del grande fiume"

Al via lunedì la mostra dedicata al Po. L’iniziativa, promossa dall’assessore Dosi, apre un lungo calendario di iniziative. Presentazione per il portale www.infopo.it: uno strumento per chi desidera ricevere notizie e cercare informazioni sul Grande Fiume.

Più informazioni su

Il Po in rassegna a palazzo della Provincia. Lunedì 24 ottobre alle 10 al via, nell’atrio della Provincia, la mostra itinerante dedicata al Grande Fiume, con filmati tratti dal portale www.infopo.it e foto del libro “Il respiro del fiume” di Alberto Roveri, un fotografo che da anni immortala i più suggestivi scenari fluviali, le genti che popolano le rive, le tradizioni che sopravvivono al tempo, in un viaggio dalla sorgente alla foce del Po. L’esposizione rimarrà allestita fino al tre novembre.

La presentazione di lunedì sarà introdotta dall’assessore provinciale Massimiliano Dosi. Interverranno: il presidente del Centro di documentazione, informazione, educazione ambientale e ricerca sull’area padana (Cidiep), Giuseppe Gavioli, i componenti piacentini del cda, il consigliere provinciale Enzo Varani, il professor Ireneo Ferrari (Università di Parma), con i colleghi: Giancarlo Sacchi, Elena Murelli, Gabriele Canali e il dirigente della Provincia Fabrizio Bernini.

Sarà l’occasione per presentare il portale www.infopo.it: uno strumento di facile consultazione per chi desidera ricevere notizie, cercare informazioni e dati, scaricare foto e vedere filmati, leggere recensioni di libri, dialogare con gli enti che governano il Grande Fiume. La mostra sarà il primo atto di un percorso di riscoperta del fiume che comprende: dal 3 al 20 novembre l’esposizione al Museo di Storia Naturale di Piacenza e dal 20 novembre al 20 dicembre l’esposizione presso la Scuola Dante-Carducci. Contestualmente alla presenza della rassegna itinerante a Piacenza verranno coordinate altre proposte legate all’educazione ambientale, alla sostenibilità e al bacino del Po:

Martedì 25 ottobre alle 10 presso la sala Consiglio della Provincia verrà presentato il DVD "10 anni di adozioni del territorio piacentino" un’esperienza pluriennale che ha collegato un gran numero di classi scolastiche in una rete a presidio attivo delle emergenze ambientali piacentine.

Giovedì 3 novembre dalle 10 presso la sala Perlasca della Provincia, i Centri di educazione ambientale e gli amministratori esamineranno le ipotesi di creazione di nuovi Centri Cea e di allargamento di quelli esistenti alla luce del nuovo Programma Infeas 2011-2013. A seguire – date ancora da definire –, verrà presentato il documentario “Terramacchina” di Daniele Didomenico (un lavoro di ricerca che ha coinvolto, con risorse regionali, la rete dei Cea, la Provincia di Parma e il “Centro italiano di ricerca ed educazione ambientale” dell’Università di Parma), quindi, con l’aiuto del prof Ireneo Ferrari, verranno proposti percorsi di educazione alla biodiversità che coinvolgono sia il mondo della scuola, che la popolazione adulta; inoltre, in collaborazione con il Parco del Trebbia verranno illustrate anche le iniziative di educazione ambientale legate agli ecosistemi fluviali.
 
In una logica interassessorile è anche in cantiere la presentazione dello studio dell’Università di Pavia sulle ricerche degli ultimi anni sugli Ardeidi del Po e del progetto LIFE, relativo alla risalita dei pesci in corrispondenza dell’invaso di Isola Serafini. Con l’aiuto e la collaborazione dell’assessorato provinciale al Turismo, di Piacenza Turismi e del Consorzio Navigare il Po in primavera è prevista una riunione "natante" sulla Calpurnia lungo il percorso piacentino del Po, per fornire ad amministratori, tecnici e alla cittadinanza informazioni aggiornate sul Piano di Gestione delle Acque in corso di elaborazione da parte dell’Autorità di Bacino del Po.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.