Quantcast

Camera di Commercio, imprese più trasparenti per le forze dell’ordine foto

Un nuovo software per aiutare nella lotta alla mafia, al falso in bilancio e alla verifica degli appalti. E’ con questo spirito che nasce ri.visual, un programma sviluppato da Infocamere che da oggi la Camera di Commercio metterà a disposizione gratuitamente a tutte le forze dell’ordine.

Più informazioni su

Un nuovo software per aiutare nella lotta alla mafia, al falso in bilancio e alla verifica degli appalti. E’ con questo spirito che nasce ri.visual, un programma sviluppato da Infocamere che da oggi la Camera di Commercio metterà a disposizione gratuitamente a tutte le forze dell’ordine.

Ri.visual è un servizio che affianca il tradizionale sistema di consultazione del Registro delle Imprese (www.registroimprese.it) e che permetterà una rappresentazione grafica immediata della relazioni esistenti tra persone e aziende. Attraverso grafici e simboli si potrà facilmente controllare la composizione del personale di un’azienda, il bilancio, i titolari delle cariche, i soci e verificare tutti i movimenti dell’impresa. Sotto controllo saranno 6milioni di imprese in tutta Italia, per un totale di 9milioni di persone.

“Lo sviluppo economico passa attraverso la legalità – ha commentato il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Parenti durante le presentazione dell’iniziativa – La Camera di Commercio perciò si impegna a pagare l’abbonamento al nuovo servizio del Registro Imprese in modo da permettere alle forze dell’ordine un maggiore controllo della attività della aziende in tempo reale”.

Diversi i vantaggi della nuova funzione ri.visual: un sistema di ricerca delle aziende più semplice, una visualizzazione navigabile, la possibilità di tenere sotto controllo i movimenti di una determinata impresa e una rappresentazione grafica chiara e veloce. Le forze dell’ordine potranno poi usare questi dati per la lotta alla mafia, per controllare gli appalti e verificare il falso in bilancio.

“Sarà uno strumento molto utile che permette una visualizzazione chiara delle struttura di una società e delle sue partecipazioni – ha specificato il comandante provinciale della guardia di finanza  colonnelloMaurizio De Panfilis – Ringraziamo la Camera di Commercio che si presta a sostenere il costi dell’abbonamento”. Parole ribadite anche dal questore Calogero Germanà, “è un monitoraggio di tutti i settori economici che servirà soprattutto nella lotta alla mafia”, e dal comandante provinciale dei carabinieri colonello Paolo Rota Gelpi: “E’ un risparmio notevole di energie e risorse”.

Presente nella sede della Camera di Commercio anche il prefetto di Piacenza Antonio Puglisi: “E’ un servizio efficiente che rende accessibili con maggiore velocità dati pubblici che prima dello sviluppo del nuovo programma erano controllabili solo attraverso procedimenti lunghi e impegnativi. In questo modo si crea una situazione di legalità che incoraggio lo sviluppo e gli investimenti”.

Il nuovo servizio sarà accessibile non solo alle forze dell’ordine ma a tutte le aziende e ai privati cittadini dopo la sottoscrizione di una abbonamento. A presentare le potenzialità del nuovo software è intervento il vicedirettore di Infocamere Paolo Ghezzi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.