Quantcast

Comunali, Paparo su Fb: “Serve un progetto politico ampio”

"Partita da giocare". Il silenzio tra le file del centrodestra, contrapposto al fermento nel centrosinistra (con la candidatura di Marco Mazzoli alle Primarie, quella di Gianni D’Amo con la presentazione di sabato scorso e il dibattito nel Partito democratico) sembra così essersi rotto, per nove mesi che si preannunciano veramente bollenti.

Più informazioni su

Facebook sarà l’arena privilegiata della battaglia politica per le Comunali del 2012? Tra i “Mi piace” e i commenti, interpretare le bacheche dei politici piacentini può essere un modo per comprendere cosa bolle in pentola nelle segrete stanze dei partiti. Questa mattina è stato il post di Andrea Paparo a muovere le acque. L’ assessore provinciale al Lavoro per il Pdl, con un lungo passato – nonostante i 38 anni – nella politica e con un’esperienza come assessore al Comune di Piacenza ai tempi della Giunta Guidotti, è dato da molte parti come possibile candidato sindaco e la sua frase può essere interpretata in molti modi, compresa quella di una discesa in campo.

Leggo i giornali di questi giorni. Sembra che la partita delle Comunali di Piacenza del 2012 – scrive Paparo – sia solo un derby interno alla sinistra. Io credo invece che la partita sia ancora tutta da giocare. Penso che un’alternativa sia possibile e che sia ora di costruire un progetto politico ampio. C’è bisogno di un programma condiviso di cambiamento per la città.

Il silenzio tra le file del centrodestra, contrapposto al fermento nel centrosinistra (con la candidatura di Marco Mazzoli alle Primarie, quella di Gianni D’Amo con la presentazione di sabato scorso e il dibattito nel Partito democratico) sembra così essersi rotto, per nove mesi che si preannunciano veramente bollenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.