Quantcast

Comunali, Silva (Pd): "Il candidato scelto tra i nostri iscritti. Primarie a gennaio"

Martedì prossimo 11 ottobre sono infatti in programma le assemblee nei quattro circoli cittadini, dalle quali emergeranno i nomi dei più graditi "papabili", che successivamente saranno vagliati dal comitato dei saggi per una scrematura e avviarsi verso la scelta definitiva del portacolori

Più informazioni su

"Non c’è ragione per scegliere un candidato al di fuori del Pd, i circoli hanno espresso un orientamento chiaro: il nostro partito può e deve esprimere il portacolori per le comunali del 2012". Parola di Vittorio Silva, segretario provinciale del Partito Democratico, che questa mattina, affiancato da Silvio Bisotti, Giorgia Veneziani e Laura Dametti, ha fatto il punto sil percorso di avvicinamento alle amministrative della primavera prossima. Martedì prossimo 11 ottobre sono infatti in programma le assemblee nei quattro circoli cittadini, dalle quali emergeranno i nomi dei più graditi "papabili", che successivamente saranno vagliati dal comitato dei saggi per una scrematura e avviarsi verso la scelta definitiva del portacolori (o dei portacolori) del Pd alle primarie di coalizione.

Non è un mistero che siano in lizza gli attuali assessori comunali Francesco Cacciatore, Paolo Dosi, Katia Tarasconi e Anna Maria Fellegara, mentre il nome di Marco Mazzoli, docente universitario della Cattolica è stato spinto dal gruppo dei "mariniani". E poi potrebbero spuntare altri candidati nei prossimi giorni.

"Il cammino che porta alle primarie di coalizione, che con ogni probabilità si terranno a gennaio, è tracciato. Le forze del centrosinistra che vi parteciperanno definiranno una cornice programmatica comune e le regole della consultazione. Voglio ricordare – ha rimarcato Silva – che le candidature potranno essere presentate secondo un doppio binario, dai partiti del centrosinistra secondo regole proprie e da gruppi di elettori di centrosinistra attraverso la raccolta di un certo numero di firme a sostegno ancora da fissare". Silva e Bisotti hanno sottolineato il valore del percorso democratico sin qui seguito dal Pd per individuare un candidato. "Si sono già tenuti gli incontri con le forze politiche dell’attuale coalizione in comune, Sinistra e Libertà, Idv e Rifondazione Comunista, così come abbiamo compiuto un ampio giro di consultazioni con le categorie economiche, sociali e culturali della città". 

"Nelle ultime assemblee dei circoli – ha proseguito Silva – è emersa l’attesa per un candidato espressione diretta del Pd, non c’è ragione che il prescelto non sia un nostro iscritto. Rispetto la candidatura di Mazzoli, ma non risponde a questo orientamento". Silva non chiude all’ipotesi di candidature al di fuori dell’attuale giunta e del gruppo consiliare del partito, tuttavia sottolinea che "il lavoro dell’amministrazione è stato molto apprezzato e questo costituisce un elemento da tenere in considerazione". "Dobbiamo trovare il candidato – ha puntualizzato Bisotti – che ci consenta di vincere e lo faremo alla luce del sole, non in stanze segrete ma con la discussione pubblica".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.