Diario pendolare, lunedì da incubo

Sto diventado verde, i muscoli si stanno gonfiando, le vene del collo stanno per esplodere, i vestiti si stracciano come pezzetti di carta no, non sono l'incredibile Hulk

Più informazioni su

Diario pendolare del 24 ottobre, dal nostro inviato dal binario Max Davoli.

Sto diventado verde, i muscoli si stanno gonfiando, le vene del collo stanno per esplodere, i vestiti si stracciano come pezzetti di carta no, non sono l’incredibile Hulk, sono  un pendolare della Piacenza Milano imbestialito a causa dell’ennesima presa per il cu.. propinata a inizio settimana dalla premiata ditta fornitrice di servizi ferroviari “TRENORD TRENITALIA”

 
All’arrivo nella stazione di Piacenza, un collega mi accoglie con un sorriso troppo ironico per essere “vero”, invitandomi con un gesto ad osservare il tabellone…
gli chiedo “Ma è stato cancellato???” Lui annuisce….
 
Con la rabbia gia alle stelle di lunedi mattina leggo sul tabellone R2274 CANCELLATO!
 
Ci avviamo lentamente al binario 6 dove è gia pronto (si fa per dire) il R20398 che parte 15 minuti piu tardi rispetto al “nostro” maledetto treno; è sempre opportuno ricordare che nessuna motivazione viene diffusa circa le cause della cancellazione del r2274.
 
Tento inutilmente di farmi passare il prurito alle mani, è un’impresa piuttosto ardua….! il modo migliore sarebbe quello di prendere a schiaffoni qualcuno dei sedicenti “addetti ai lavori” anche se il risultato ottenuto sarebbe ancora insoddisfacente e non servirebbe a migliorare le pessime condizioni del servizio.
 
Non è mai colpa di nessuno, eppure sono convinto che se iniziasse a fioccare qualche sospensione punitiva dal lavoro o se si decurtasse sensibilmente qualche stipendio al personale TRENORD TRENITALIA, qualcosina potrebbe cambiare a favore dei pendolari bistrattati e ignorati da tutti.
 
A proposito di stipendi: chi ci rimborserà l’ennesima mezzora persa a causa dell’assoluta inaffidabilità del servizio pubblico ferroviario? Per non parlare delle figuracce e degli sfottò ai quali dobbiamo sottoporci quotidianamente arrivando in ritardo sul posto di lavoro!
 
Che stress! Che stress! Che stress! siamo assolutamente logorati da questi maledettissimi disservizi cronici! A bordo anche stamattina ho raccolto moltissimi malumori, qualcuno mi ha riferito che il treno r2912 oggi è partito incredibilmente in perfetto orario, per cui la finestra di disservizio sulla PC-MI è stata di ben 35 minuti: semplicemente inaccettabile! allucinante!
 
Il sottoscritto si limita a scrivere questi reportage, ma anche oggi ho colto da alcuni passaparola che alcuni gruppetti di esasperati starebbero organizzando forme di protesta ben più eclatanti tipo occupazione di binari a Rogoredo per creare interruzione di servizio pubblico in un colpo solo sia alla linea storica che alla TAV, occupazione di uffici movimento o di capi stazione , ma anche cose più soft tipo manifestazioni pacifiche nelle stazioni piu importanti, sciopero del biglietto , abbonamento ecc
 
Tornando a noi, potrebbe sembrare superfluo scrivere che a Codogno il treno era già pieno come un uovo sodo figuratevi a casakpusterlengo secugnago e a lodi, praticamente abbiamo viaggiato “sottovuoto”. Condizioni disumane , la settimana è iniziata tragicamente, mi vengono i brividi pensando ai prossimi giorni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.