Quantcast

Fibrosi cistica, 18 pazienti piacentini assistiti nel centro di Parma

Sono 18 i piacentini assistiti presso il Centro Regionale Emiliano di Fibrosi Cistica, ubicato presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Il Centro FC é divenuto, dal 2006, hub per tutta l’Emilia, riconosciuto, cioè, dalla regione, centro d’eccellenza, di riferimento per la parte emiliana.

Più informazioni su

Fibrosi Cistica, 18 sono i pazienti Piacentini assistiti nel Centro Regionale Emiliano di Parma.

Sono 18 i piacentini assistiti presso il Centro Regionale Emiliano di Fibrosi Cistica, ubicato presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Il Centro FC é divenuto, dal 2006, hub per tutta l’Emilia, riconosciuto, cioè, dalla regione, centro d’eccellenza, di riferimento per la parte emiliana. L’altro, per il territorio romagnolo è collocato a Cesena. “L’hub di Parma segue 143 pazienti con una media di 4 visite per paziente all’anno per un totale di circa 6000 prestazioni erogate annualmente” riporta la d.ssa Giovanna Pisi, responsabile del Centro.
La fibrosi cistica (FC) è una malattia genetica ereditaria, cronica ed evolutiva. Colpisce un bambino ogni 2500 ma i portatori sani sono uno ogni 25 persone, dato che porta ad avere in Italia circa 2 milioni e mezzo di portatori sani, per lo più inconsapevoli. Il gene responsabile della FC si chiama CFTR. Le cellule di rivestimento di bronchi, polmoni, pancreas, fegato non funzionano a dovere. Secrezioni dense e poco scorrevoli occludono dotti e canali di questi organi che alla lunga vengono danneggiati. Il problema prevalente riguarda i polmoni dove il muco bronchiale più denso, poco scorrevole causa il ripetersi di infezioni. Solo alcuni anni orsono l’aspettativa di vita dei soggetti colpiti, la malattia si manifesta entro i primi anni di vita, non superava l’adolescenza. I progressi compiuti dalla ricerca applicata all’ambito clinico hanno consentito  un netto miglioramento tale da portare il malato oltre la quarta decade.
Nel 1986, su iniziativa di un gruppo di genitori, nasce l’Associazione Emiliana Fibrosi Cistica onlus, aderente alla Lega Italiana Fibrosi Cistica (LIFC). L’organizzazione, che si avvale dell’opera esclusiva di volontari, opera prevalentemente in ambito socio-sanitario nelle province di Parma, Piacenza, Reggio-Emilia, Modena, Bologna, e ha come obiettivo primario la lotta alla fibrosi cistica oltre ad essere supporto e stimolo al Centro FC emiliano. L’attuale presidente è Brunella Bonazzi,  responsabile per la zona di Piacenza, nel consiglio direttivo dell’associazione, è Francesco Riggio.
Quest’anno l’Associazione compie i suoi primi 25 anni di attività e per l’occasione sono stati organizzati due importanti eventi celebrativi a Parma nel corso dello scorso fine settimana, il 21 e 22 ottobre: una cena come occasione di dialogo e confronto presso il Circolo di Lettura e un appuntamento di carattere scientifico all’Auditorium Paganini, con relatori di fama internazionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.