Quantcast

Fita Cna: stato di agitazione dell’autotrasporto

In relazione alle ultime determinazioni del Governo sui temi specifici dell’autotrasporto la CNA-Fita ha deciso di proclamare lo stato d’agitazione dei propri associati

Più informazioni su

Fita proclama lo stato di agitazione dei suoi associati e avverte: sull’accesso alla professione non scherziamo.
 
Piacenza, 7 aprile 2011 – In relazione alle ultime determinazioni del Governo sui temi specifici dell’autotrasporto la CNA-Fita ha deciso di proclamare lo stato d’agitazione dei propri associati. Stando alle ultime indiscrezioni sarebbero contenute in un Decreto di prossima emanazione disposizioni relative al recepimento del Regolamento europeo sull’accesso alla professione e da dove si evincerebbe che la nostra rappresentanza, quanto quella unitaria di Unatras, è stata completamente inascoltata. Si parla, come requisito d’ingresso, di mantenimento dell’esenzione dal Regolamento europeo 1071/2009 fino ai 3,5 ton per le sole imprese monoveicolari (favorendo ulteriormente la frammentazione del mercato) e non di adeguamento della capacità finanziaria ai novemila euro per tutti, bensì unicamente per le aziende che intendono esercitare od esercitano la professione di autotrasportatore con autoveicoli fino ai 35 quintali a differenza del maggiore onere di cinquantamila euro per tutti gli altri. 
Due provvedimenti inaccettabili e sui quali la CNA-Fita ha chiaramente espresso la propria contrarietà al Sottosegretario Giachino che preferisce fare finta di nulla e riaprire tavoli e discussioni su cui sono stati presi, invece, impegni precisi. 
“Il vaso è colmo e sono troppe le gocce che rischiano di farlo travasare”. Questo il commento di Cinzia Franchini, presidente nazionale di CNA-Fita, che ha duramente stigmatizzato la decisione del Sottosegretario di aprire un tavolo con TrasportoUnito per ridiscutere la legge 127, gli accordi di settore e i costi minimi di sicurezza. 
“Il Sottosegretario si preoccupa delle pagliuzze e ignora invece, o peggio ancora, fa finta di non vedere la trave. I costi minimi – ha affermato la presidente della CNA-Fita – non vanno ridiscussi bensì fatti rispettare. Il Sottosegretario non si preoccupi dei problemi alla circolazione locale in qualche porto. Si preoccupi piuttosto di parlare con chi gli ha garantito il tempo necessario per fare delle cose precise, altrimenti la pace sociale potrebbe diventare un boomerang pericoloso”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.