Quantcast

Il Piace espugna il Garilli. Lanciano battuto 3-1 foto

PIACENZA-LANCIANO 3-1  Primi applausi convinti per il Piacenza, tornato alla vittoria in casa dopo 5 mesi grazie alla doppietta di Guerra e alla rete di Avogadri. Grande rimonta dei biancorossi, passati in svantaggio in apertura per la rete di Pavoletti. Bene Lisi, Pani e il bomber ritrovato Guerra, l’allenatore Monaco può finalmente sorridere. Mercoledì turno infrasettimanale a Salò

Più informazioni su

Il commento

Torna alla vittoria casalinga il Piacenza, che non coglieva la posta piena al Garilli in campionato dal mese di maggio, quando Piccolo stese il Sassuolo prima del crollo finale in campionato. E lo fa con una prova convincente sul piano del gioco e del carattere, grazie ad un’entusiasmante rimonta dopo lo svantaggio iniziale. Primi applausi convinti da parte del pubblico di fede biancorossa, che da oggi ha un motivo in meno di preoccupazione. Visto il Lanciano, secondo in classifica, questo Piace in Lega Pro ci sta eccome.

Pur recuperando gli attaccanti Guzman e Volpe, Monaco opta inizialmente per una formazione prudente e folta a centrocampo, con il solo Guerra in avanti. In mezzo c’è il debutto casalingo di Claudio Pani, affiancato da Parola e Marchi, con Foglia e Lisi esterni; in difesa è fuori Di Bella, al suo posto Visconti, con il ritorno di Calderoni sulla fascia sinistra. La Virtus Lanciano si presenta con l’annunciato 4-3-3, con i velocissimi Chiricò e Titone a supporto di bomber Pavoletti.

Ed è proprio il centravanti abruzzese a sbloccare la partita al quarto d’ora, approfittando dell’ingenuo errore di Melucci, dall’altare alla polvere dopo le reti delle ultime due partite. Il Piace era in realtà partito bene, grazie alle sovrapposizioni sulle fasce e il gioco veloce con la palla tenuta bassa per sfruttare le caratteristiche di un attacco rapido e leggero. In particolare è Lisi, il migliore in campo, ad originare tutte le azioni pericolose della squadra di Monaco, che chiude la prima frazione in svantaggio non del tutto meritato.

Nella ripresa un Piace che non ti aspetti. Più incisiva davanti grazie all’ingresso di Guzman per uno spento Foglia, la squadra di Monaco raggiunge subito il pari con un colpo di testa in anticipo di Guerra su cross di Calderoni, e poi continua a premere. Dopo un rigore reclamato da Guzman, arriva il golasso di Avogadri, destro potente dal limite, e il secondo sigillo di Guerra, che supera il portiere in uscita. Tutto bello, tutto meritato.

I biancorossi lasciano quota zero in classifica e scavalcano il Feralpi Salò, prossimo avversario nell’infrasettimanale di mercoledì, e il Bassano, fermi a quota 1, e agganciano il Prato, prossima squadra a scendere al Garilli. Due gare decisive per capire il futuro del Piace, che non è diventato improvvisamente uno squadrone ma da oggi fa sperare in un campionato più tranquillo. Una speranza che meritano tutti i tifosi biancorossi, anche quelli rimasi fuori oggi in segno di protesta ma pronti a seguire la squadra a Salò.

Il tabellino

PIACENZA-VIRTUS LANCIANO 3-1

Reti: Pavoletti (VL) al 17 pt, Guerra (P) al 3 st, Avogadri (P) al 26 st, Guerra (P) al 44 st

PIACENZA (4-5-1): Cassano 6,5; Avogadri 6,5, Melucci 5,5, Visconti 6, Calderoni 6; Foglia 5 (dal 1 st Guzman 6,5), Marchi 5,5 (dal 22 st Volpe F 6), Pani 6,5 (dal 30 st Silva), Parola 6, Lisi 7; Guerra7. All. Monaco. A disposizione: Maggio, Bertoncini, Di Bella, Esposito.

VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Aridità, Vastola, Massoni, Amenta, Mammarella; D’Aversa (dal 35 st Zeytulaev), Capece, Volpe A (dal 22 st Aquilanti); Chiricò, Pavoletti (dal 12 st Tarquini), Titone. All. Gautieri. A disposizione: Amabile, Giusti, Margarita, Improta.

Ammoniti: Lisi (P)

Spettatori: 1622 (di cui 1242 abbonati e 380 spettatori). Incasso gara: 9223 euro

Le pagelle, La cronaca

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.