Quantcast

Obesità, Cavalli (LN): “Investire oggi per risparmiare domani”

"Per troppo tempo - dichiara Stefano Cavalli, consigliere regionale Lega Nord - l’obesità non è stata considerata una malattia, favorendone, in questo modo, la progressiva diffusione".

Più informazioni su

Obesità, Cavalli (LN): “Investire oggi per risparmiare domani” – comunicato stampa

«Per troppo tempo – dichiara Stefano Cavalli, consigliere regionale Lega Nord – l’obesità non è stata considerata una malattia, favorendone, in questo modo, la progressiva diffusione. Senz’altro decisivi sono stati anche il mutato stile di vita, sempre più sedentario, e un’alimentazione qualitativamente sempre peggiore. Il costo sociale dell’obesità – continua l’esponente del Carroccio – è gigantesco, gli USA insegnano; il diretto rapporto tra obesità e patologie cardiovascolari, diabete, ipertensione, ecc. è ampiamente comprovato: le aspettative di vita di chi ha dei chili di troppo sono, infatti, nettamente inferiori. La chiave sta – precisa Cavalli – nel prevenire il fenomeno contrastandolo attraverso la formazione e la sensibilizzazione dei più giovani. Incentivare all’interno delle scuole il consumo di frutta di stagione anziché delle solite merendine sarebbe un buon inizio, – spiega il consigliere leghista – basterebbe sostituire il contenuto dei distributori automatici. Limitare la possibilità di acquistare prodotti ad eccessivo contenuto di zuccheri è una strategia già testata in altri paesi europei e sembra dare ottimi risultati. Il ministero della salute francese, ad esempio, ha promosso la rimozione degli scaffali con i dolci nei pressi delle casse dei supermercati. Anche il nostro paese si è attivato a proposito e l’allora Ministro dell’Agricoltura, Luca Zaia, ha destinato ingenti fondi europei per promuovere il programma “Frutta nelle scuole”. La vigente normativa lascia però molta autonomia decisionale ai singoli plessi scolastici, è pertanto necessario che le famiglie si attivino presso i rispettivi consigli d’istituto allo scopo di sostituire le merendine industriali con la frutta fresca. La Regione – conclude Cavalli che sul tema ha presentato un’interrogazione – può comunque fare la sua parte, promuovendo periodiche sessioni di educazione alimentare negli istituti scolastici e sollecitando la Grande Distribuzione Organizzata a rimuovere dagli scaffali vicini alle casse, i prodotti ad eccessivo tenore zuccherino.»

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.