Quantcast

Protezione civile in mostra, mercoledì l’inaugurazione

I principali scatti degli ultimi anni di vita del volontariato di protezione civile diventano una mostra, promossa dall’assessore provinciale Massimiliano Dosi e ospitata nell’atrio di palazzo Garibaldi. La rassegna verrà presentata mercoledì 12 ottobre alle 12 nell’atrio della Provincia. 

Più informazioni su

VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE: LA PROVINCIA OSPITA LA MOSTRA FOTOGRAFICA. MERCOLEDì DOSI E DENTONI AL TAGLIO DEL NASTRO

ALLE 12 L’ASSESSORE (PROMOTORE DELL’INIZIATIVA) E IL PRESIDENTE DEL COORDINAMENTO INAUGURERANNO LA RASSEGNA: “UN GESTO DI RICONOSCENZA PER LA PREZIOSA OPERA DI CHI PRESTA IL PROPRIO TEMPO A SERVIZIO DEL PROSSIMO”

 Dal problema degli sversamenti di idrocarburi alle alluvioni, dal contributo alla ricostruzione post terremoto all’Aquila agli interventi sugli incendi. I principali scatti degli ultimi anni di vita del volontariato di protezione civile diventano una mostra, promossa dall’assessore provinciale Massimiliano Dosi e ospitata nell’atrio di palazzo Garibaldi. La rassegna verrà presentata mercoledì 12 ottobre alle 12 nell’atrio della Provincia. 

Dopo i saluti – in sala consiliare – dell’assessore Dosi e del presidente dei volontari di protezione civile Leonardo Dentoni, è previsto il taglio del nastro e un piccolo rinfresco. La mostra sarà aperta dal lunedì al venerdi, dalle 9 alle 19,30, fino al 20 ottobre.

 “La Provincia – spiega Dosi – come segno di ringraziamento ai nostri volontari ha voluto organizzare presso la nostra sede una raccolta di fotografie che facciano conoscere alla cittadinanza alcune delle attività nelle quali i nostri volontari sono stati impegnati”.

“Negli ultimi anni – continua l’assessore – le istituzioni e il volontariato hanno dovuto affrontare insieme diversi interventi di emergenza, la Provincia di Piacenza da circa 10 anni è convenzionata con il ‘Coordinamento provinciale di volontariato di protezione civile’ (massimo organismo di volontariato di protezione civile sul territorio provinciale) e tante sono state le attività messe in campo in collaborazione: dalla partecipazione alle gestione delle emergenze alle esercitazioni provinciali in diversi territori comunali, dalle attività formative per popolazione scolastica ai corsi specializzati nelle diverse tipologie di intervento, dalle campagne annuali di prevenzione e avvistamento incendi fino al gravoso impegno a seguito del terremoto dell’Aquila o allo sversamento nel fiume Po. Gli ottimi risultati raggiunti sono spesso merito del lavoro silenzioso ma instancabile ed efficace di tanti volontari appartenenti alle associazioni del Coordinamento che gratuitamente hanno messo la loro passione e competenza al servizio della protezione civile e quindi del prossimo”.

“La mostra – spiega Dentoni – raccoglie gli scatti dei nostri interventi. È un’iniziativa meritoria, che valorizza e gratifica un settore come quello dei volontari, fatto di centinaia di persone che mettono a disposizione tanto tempo per il bene di tutti. Sono oltre 300 per il settore logistico, esclusa la parte medica che ne conta almeno altrettanti”. “Come coordinamento provinciale in tutte le emergenze locali, regionali e nazionali abbiamo sempre dato il nostro contributo. Pur essendo, la nostra, una provincia ‘periferica’, siamo sempre stati presenti con la stessa forza di territori ben più vasti di quello piacentino. Abbiamo sempre dato aiuti venendo incontro alle richieste dei vertici”. “La storia della nostra protezione civile è storia di volontariato  e storia di un miglioramento continuo. Stiamo arrivando a un buon livello anche di attrezzature e mezzi. Fino a dieci anni fa contavamo soprattutto sulle donazioni. Oggi grazie agli investimenti degli enti locali e alla grande opera di sensibilizzazione messa in campo, possiamo contare su equipaggiamenti di tutto rispetto”. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.