Quantcast

Reggi: “Impedire le manifestazioni non è giusto, meglio prevenire”

’’Quello che deve funzionare e’ la prevenzione anche perche’ abbiamo un sistema di intelligence che ha le capacita’ di prevenire questo genere di episodi che e’ altra cosa rispetto a imporre limiti a chi manifesta’’.

Cosi’ il vicepresidente Anci e sindaco di Piacenza, Roberto Reggi, commentando al sito dell’Anci gli scontri di sabato scorso e il dibattito che ne e’ scaturito sulla opportunita’ o meno di limitare lo svolgimento delle manifestazioni di piazza.

Più informazioni su

’’Quello che deve funzionare e’ la prevenzione anche perche’ abbiamo un sistema di intelligence che ha le capacita’ di prevenire questo genere di episodi che e’ altra cosa rispetto a imporre limiti a chi manifesta’’.

Cosi’ il vicepresidente Anci e sindaco di Piacenza, Roberto Reggi, commentando al sito dell’Anci gli scontri di sabato scorso e il dibattito che ne e’ scaturito sulla opportunita’ o meno di limitare lo svolgimento delle manifestazioni di piazza.

Per Reggi il problema e’ soprattutto dei grandi centri ’’perche’ nelle piccole citta’ i sindaci possono avere maggiore capacita’ di manovra, soprattutto se c’e’ collaborazione nei tavoli di coordinamento sull’ordine e la sicurezza pubblica e a Piacenza su questo non posso lamentarmi’’. Il coinvolgimento dei primi cittadini pero’ ’’deve essere reale e non formale perche’ lo strumento c’e’, dipende dalle persone, sindaci e forze di polizia, farlo funzionare’’.

Sulla particolare situazione di Roma, Reggi nota come ’’e’ normale che tutti vogliano manifestare nella Capitale, probabilmente occorre una organizzazione che crei meno disagi di quelli che ci sono normalmente, magari introducendo qualche elemento di tutela in piu’ ma far pagare gli organizzatori un gettone per partecipante non credo possa rappresentare un valido deterrente’’.

’’L’esempio di questi giorni – sottolinea Reggi – ci dice che tra le tante manifestazioni degli indignati in giro per il mondo solo da noi ci sono stati scontri cosi’ violenti.

Tuttavia impedire le manifestazioni non e’ la scelta giusta anzi, potrebbe peggiorare le cose perche’ ce ne sarebbero comunque. Non possiamo incentivare le manifestazione non autorizzare ma occorre evitare che in quelle autorizzate si infiltrino soggetti violenti’’. (Asca)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.