Quantcast

Sel: “Candidato Pd scelto con metodi vecchio stile”

Sel commenta le dichiarazioni degli esponenti Pd in merito alle premiarie di coalizione. 

Più informazioni su

Comunicato stampa di Sinistra e Libertà Piacenza

Il sindaco di Piacenza, Reggi, dopo lo svolgimento delle assemblee dei circoli del Partito Democratico martedì 11 ottobre scorso afferma che questi è “l’unico partito che si è dato un percorso di democrazia interna vera”. Come tutti sappiamo, la democrazia è quella forma di governo della società basata sulla partecipazione del popolo di una nazione alla gestione della cosa pubblica che si concretizza nella scelta dei propri rappresentanti e governanti tramite l’espressione del voto.

 
Volendo leggere in modo coordinato quanto dichiarato dai vari esponenti del PD e pubblicato sulla stampa: “ non era una conta, nel senso che l’altra agli iscritti non era richiesto di esprimere ciascuno la preferenza” – “erano segnalazioni date liberamente da chi ha ritenuto di intervenire” –  “non è stata una convocazione chiara per una conta”, e, ciò che in aggiunta il sindaco afferma “il candidato emergerà dalle valutazioni di chi (comitato 13 saggi e Direzione del partito) è chiamato a stabilire chi può andarci per vincerle” appare assolutamente contraddittorio il tutto, e si rafforza così la convinzione che la procedura che sta seguendo il PD per l’individuazione di un candidato per le primarie di coalizione sia “frutto di un accordo vecchio stile tra apparati di partito”.
 
A tutt’oggi, l’unico partito che ha “votato”, nella sua assemblea svolta lo scorso martedì, il candidato da sostenere alle elezioni primarie del centrosinistra è Sinistra Ecologia e Libertà che ha svolto un percorso aperto e trasparente e nella sua autonomia ha addirittura considerato e scelto una figura indipendente non legata ad apparati di partito, una persona di alto spessore politico-istituzionale di provenienza e tradizione di sinistra, la sinistra che ha contribuito al governo dell’Italia consentendone lo sviluppo veramente democratico.
 
Ora starà ai cittadini elettori che si riconoscono nella storia della sinistra e nelle sue linee ideali e di programma per il governo della città di Piacenza il compito di scegliere chi potrà rappresentarli al meglio alle prossime elezioni amministrative per contrastare l’azione di un centrodestra che, a livello nazionale, sta dando dimostrazione di non adeguatezza ed insipienza assolute.
 
Coordinamento Sinistra Ecologia Libertà.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.