Quantcast

Signoris: “Dietro ogni uomo c’è una donna che alza gli occhi al cielo”           foto

Il festival di Pulcheria si è arricchito ieri sera al Palazzo Gotico con la freschezza e l’allegria di Carla Signoris, comica, scrittrice e “moglie” del celebre Maurizio Crozza

Più informazioni su

SIGNORIS: DIETRO OGNI UOMO C’E’ UNA DONNA CHE ALZA GLI OCCHI AL CIELO
 
Il festival di Pulcheria si è arricchito ieri sera al Palazzo Gotico con la freschezza e l’allegria di Carla Signoris, comica, scrittrice e “moglie” del celebre Maurizio Crozza. L’attrice, presentata dall’assessore comunale Katia Tarasconi, ha rivelato di avere una madre piacentina (“una vera maestra di
ravioli”), presente tra il folto pubblico in sala.
Dissacrante, ironica ed esilarante in più occasioni, la poliedrica Signoris ha passato in rassegna la sua carriera, parlando con passione del suo amore per il teatro. Timidissima dopo la sua uscita dal liceo, viene letteralmente “folgorata da Carmelo Bene” e comincia fin da giovanissima la sua carriera nel Teatro Stabile di Genova. Dopo una lunga gavetta, esordisce nel 1992 in televisione nel programma Avanzi con la compagnia Broncoviz, dove interpreta, a suo dire, il ruolo di “unica donna”.  Con l’esordio nel mondo della comicità comincia anche il sodalizio sentimentale con Maurizio Crozza, con cui è ancora sposata.
L’incontro con il passare dei minuti prende una angolatura sempre più femminile, esplorando il tema del rapporto con l’altro sesso, gli “amati – odiati” uomini e l’esperienza che segna di più la figura della donna, la maternità. Il rapporto di coppia con Crozza rimane sempre alla finestra durante l’incontro ed il pubblico sorride piacevolmente alla notizia che, alla notizia di aspettare un bambino, “sono rimasti incinti in due”.

Le domande, i tormenti della giovane coppia sul fatto di essere o meno pronti all’evento ricorda alla platea come anche i “personaggi televisivi”, conservino nonostante tutto un proprio lato umano. L’incontro è proseguito poi con numerosi estratti dal suo libro “Ho sposato un deficiente”, dove il tema principale resta il rapporto di coppia e le difficoltà quotidiane del rapporto tra moglie e marito.

Uomini infedeli, inetti, incapaci di tante cose, ma alla fine sempre amati dalle proprie donne, nonostante le loro “innumerevoli manie” ed i loro tradimenti (più o meno ben nascosti). Ma per Signoris “il libro non è stato scritto per le sole donne, ma anzi, è stato fatto per far sorridere i mariti sulle loro debolezze, sperando nella loro autoironia”. I suoi lettori maschili le hanno scritto di averlo voluto leggere dopo aver sentito gli “sghignazzi” delle loro mogli, per controllare in fondo, quando di vero ci fosse scritto sul loro conto.
Donne ciniche, sospettose, innamorate o che hanno il coraggio di sfidare il mondo. L’universo che esce dalle parole della Signoris parla di un mondo femminile ricco ed attento, che non smette mai di interrogarsi su se stesso e mai stanco di rapportarsi con i propri compagni, perché in fondo, dietro ad ogni uomo, c’è “una donna che alza gli occhi al cielo”.

Sabato 15 ottobre, ore 21 – Palazzo Gotico

 
CARLA SIGNORIS
presenta il suo libro MEGLIO VEDOVE CHE MAL ACCOMPAGNATE
 
Esilarante e dissacrante attrice comica (unica donna dei Broncoviz, ha fatto parte del cast di Avanzi, Tunnel, Hollywood Party, La grande notte e Crozza Italia), conduttrice televisiva (nonché moglie di Maurizio Crozza), scrittrice (una rubrica su Repubblica, e il fortunatissimo Ho sposato un deficiente), bella, ironica e spudorata Carla Signoris presenta a Piacenza il suo nuovo libro Meglio vedove che mal accompagnate.
Modera l’incontro la giornalista Angela Marinetti
 
Cinque amiche, cinque storie d’amore, cinque sistemi per sbarazzarsi dell’uomo sbagliato o per tenersi quello giusto.
Debbie festeggia i quarant’anni da un decennio. Il tempo è relativo, mentre lei è obiettivamente perfetta. O almeno così dice. Esmeralda è una single inespugnabile e non crede all’uomo dei sogni. Vincenza è una donna forte che ha scelto un uomo debole per complicarsi la vita. Lavinia ha sposato un mostro che sa tutto di turismo sessuale. E poi c’è Carla, che si ritrova suo malgrado impigliata in questo intreccio in cui amanti e mariti sono la causa e la soluzione di tanti problemi.
Tanti, ma non tutti. Cinque donne. Ognuna pensa che le altre quattro sono iene, ma guai se qualcuno al di fuori del branco parla male di una di loro. Sono amiche. Semplicemente amiche, finché durerà.
Carla Signoris racconta una storia dove tutto è un po’ giallo come una risata al sole, un po’ nero come un bel funerale in agosto, e un po’ rosso come il sangue e l’amore. Perché se per trovare l’uomo giusto serve tanta fortuna, per sbarazzarsi di quello sbagliato è necessario un buon avvocato e, in casi estremi, un alibi di ferro. Lasciatevi prendere dalla lucida follia di queste pagine, perché nella vita può succedere che il peggio sia la cosa migliore che possa capitare e, quando meno ve lo aspettate, potreste aprire la porta all’uomo giusto, quello che invece di riempire i vostri silenzi ha imparato ad ascoltarli.
 
Ingresso libero    Info: www.pulcheria.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.