Imprese piacentine, destinazione Russia ed Emirati Arabi per l’export

 Si conclude oggi la due giorni dedicata in Camera di commercio all’approfondimento dei contatti con i mercati della Russia e degli Emirati Arabi Uniti

Più informazioni su

RUSSIA ED EMIRATI ARABI UNITI: DUE GIORNI DI INCONTRI IN CAMERA DI COMMERCIO
 
 
Piacenza, 11 novembre 2011 – Si conclude oggi la due giorni dedicata in Camera di commercio all’approfondimento dei contatti con i mercati della Russia e degli Emirati Arabi Uniti. Ieri una ventina di imprenditori piacentini ha incontrato Cesare Maraglio, referente del desk delle Camere di commercio negli Emirati Arabi mentre oggi un altrettanto nutrito gruppo si è confrontato, in incontri individuali, con Marina Kuvshinova, che presiede lo sportello di Mosca.
 
Queste iniziative rientrano nel programma per l’internazionalizzazione che la Camera di commercio ha messo a punto ad inizio anno per agevolare nuovi contatti commerciali per le aziende piacentine. Analoghi incontri, rigorosamente one-to-one, si sono svolti nel primo semestre: si tratta di occasioni nel corso delle quali le imprese possono verificare le proprie opportunità di business nei mercati suddetti e formulare quesiti ai responsabili dei punti informativi all’estero. Nel momento attuale – di incertezza sul chi dovrà assolvere alle funzioni dell’ICE – questi punti informativi e di supporto all’estero che la rete camerale continua a sostenere possono rappresentare degli ausili fondamentali. I due incontri fanno seguito anche a due giornate formative che hanno avuto luogo ad ottobre sugli aggiornamenti in materia doganale e fiscale.
 
Il mercato russo rappresenta una buon punto di arrivo delle merci locali: nel primo semestre del 2011 la crescita delle esportazioni in Russia è stata del 49% circa, attestandosi su un valore complessivo di circa 26 milioni di euro.  La voce più importante tra le merci esportate è quella delle macchine e delle  apparecchiature meccaniche (il valore complessivo venduto è attorno ai 10 milioni di euro), seguita dagli articoli di abbigliamento (che hanno totalizzato circa 6 milioni di euro, con una crescita enorme rispetto ai valori del 2010 ed anche del 2009). Va detto che il valore delle macchine esportate è ancora molto distante dai circa 23 milioni di euro che erano stati venduti nel primo semestre del 2009, ma risulta comunque in crescita sui 7 milioni di euro totalizzati nei primi 6 mesi del 2010.
 
Ancora più importante è stato quest’anno il flusso delle esportazioni verso gli Emirati Arabi Uniti. Sono arrivate infatti a circa 30 milioni di euro le vendite dei primi sei mesi, con un balzo in avanti di 133 punti percentuali sullo stesso periodo del 2010. Circa 12 milioni di euro sono stati incassati da imprese produttrici di macchine ed apparecchi meccanici, 5 milioni e 700mila euro da industrie metallurgiche, mentre 2 milioni di euro sono arrivati dalla vendita di prodotti tessili.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.