Smog alle stelle, la Regione anticipa i blocchi auto: si parte il 19

Anticipazione delle misure previste dall’Accordo biennale per la qualità dell’aria: giovedì senz’auto già il 29 dicembre e il 5 gennaio. Blocco straordinario del traffico anche lunedì 19 e martedì 20 dicembre. Oggi la riunione in Regione per agire contro gli sforamenti delle polveri fini

Smog. Anticipazione delle misure previste dall’Accordo biennale per la qualità dell’aria: giovedì senz’auto già il 29 dicembre e il 5 gennaio. Blocco straordinario del traffico anche lunedì 19 e martedì 20 dicembre. Oggi la riunione in Regione per agire contro gli sforamenti delle polveri fini
 
Bologna – Blocco del traffico del giovedì – previsto originariamente dal 7 gennaio 2012 in poi – anticipato al 29 dicembre e al 5 gennaio. A ciò si aggiungono altri due giorni senz’auto, la prossima settimana: lunedì 19 e martedì 20 dicembre. Sono, in sintesi, le misure decise oggi dai firmatari dell’Accordo biennale per la qualità dell’aria (siglato a ottobre 2010 tra Regione, Province, Comuni capoluogo e Comuni con più di 50 mila abitanti) che si sono incontrati in viale Aldo Moro – presenti gli assessori regionali Sabrina Freda (Ambiente) e Alfredo Peri (Mobilità e Trasporti) – per fare il punto sulla situazione di emergenza in Emilia-Romagna a livello di qualità dell’aria. Complice una situazione metereologica non favorevole ed eccezionale per la stagione, in quasi tutto il territorio c’è stato un superamento dei limiti previsti per le pm10 con valori oltre la soglia (più di 50 microgrammi al metro cubo) per 24 giorni consecutivi.
“L’auspicio è che anche i Comuni più piccoli adottino queste misure, per garantire una maggiore efficacia su tutto il territorio – ha sottolineato l’assessore Freda – . Come Regione assumiamo l’impegno di aprire un tavolo di confronto con il nuovo governo su questo tema così complesso e importante, prima di tutto per la salute pubblica; ci auguriamo che si arrivi finalmente a un vero e proprio piano nazionale. Intanto – ha concluso l’assessore – continueremo a lavorare anche con le altre Regioni del bacino padano, che si trovano ad affrontare i nostri stessi problemi”.
Negli anni, le misure adottate dagli Accordi per la qualità dell’aria hanno contribuito a una progressiva riduzione di alcuni inquinanti in Emilia-Romagna. L’eccezionalità della situazione meteo ha favorito un aumento del cosiddetto “fondo regionale”, e cioè della concentrazione di inquinamento causata da più fattori (traffico, attività delle industrie, riscaldamento) a cui nelle aree urbane si somma il contributo del traffico veicolare, causando il superamento degli standard della qualità dell’aria.
I firmatari dell’Accordo hanno concordato sulla necessità di rafforzare l’impegno per contrastare le cause responsabili dell’aumento del fondo regionale, e di agire nell’immediato per ridurre gli sforamenti. Verranno quindi anticipati i giovedì senz’auto (che avrebbero dovuto partire dal 7 gennaio in poi) al 29 dicembre e al 5 gennaio; blocco, inoltre, in via straordinaria, lunedì 19 e martedì 20 dicembre. In quei giorni, dalle 8.30 alle 18.30, dovranno rimanere in garage anche le auto a benzina e diesel pre-euro 4 e i ciclomotori e motocicli pre-euro 2, oltre agli altri mezzi a cui si applicano le limitazioni già in vigore dal 1° ottobre. Flessibilità, invece, per la settimana in corso: dati i tempi organizzativi molto stretti, e i due scioperi in programma per il trasporto pubblico locale (giovedì 15 per gli autobus e venerdì 16 per i treni), gli enti locali che lo ritengono opportuno potranno comunque decidere di attuare una giornata senz’auto. E’ escluso il blocco del traffico per giovedì 22: sia perché è molto a ridosso delle festività natalizie, sia perché per i prossimi giorni sono previste condizioni meteo favorevoli all’abbattimento degli inquinanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.