Smog, tre anni di vita in meno in pianura Padana

L'inquinamento atmosferico in Europa porta via in media 9 mesi di speranza di vita, fino ad arrivare a tre anni di vita in meno nelle regioni più esposte, come la Pianura Padana e il Benelux. La conferma arriva dall'ultimo rapporto dell'Agenzia Europea dell'Ambiente di Copenaghen "Air Quality in Europe 2011"

Più informazioni su

L’inquinamento atmosferico in Europa porta via in media 9 mesi di speranza di vita, fino ad arrivare a tre anni di vita in meno nelle regioni più esposte, come la Pianura Padana e il Benelux. La conferma arriva dall’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenaghen “Air Quality in Europe 2011”, ripresa dal “Corriere della Sera”, che ribadisce un dato che da qualche anno circola fra gli addetti ai lavori: in numeri ogni anno l’inquinamento dell’aria uccide anzitempo 310.000 persone in Europa. In Italia circa 50.000. Le morti premature per insufficienza cardiaca, infarti, crisi respiratorie, ma anche tumori, costituiscono ormai un rilevante problema sanitario ma anche economico, visto che hanno un costo di 80 miliardi di euro l’anno. La cifra comprende anche le malattie da smog e le conseguenti ospedalizzazioni e farmaci. 
Come viene spiegato da Corriere.it, fra i disturbi da inquinamento va annoverata anche l’ipertensione, come ha mostrato uno studio tedesco pubblicato negli scorsi giorni su Environmental Health Perspective. Cinquemila persone sono state seguite nel tempo mettendo in relazione la pressione con il saliscendi delle polveri sottili. Ebbene, lo studio ha osservato che al crescere di ogni 2,5 microgrammi su metro cubo di particolato fine (il micidiale PM 2,5) in media la minima saliva di 1,4 mmHg e la massima di 0,9 mmHg. Maggiore l’aumento dei millimetri di mercurio in chi vive vicino a strade molto trafficate.
 
Il rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente rileva inoltre che un quinto della popolazione europea vive in zone dove gli inquinanti superano la soglia di legge più volte all’anno. E benché vi siano di anno in anno miglioramenti nelle concentrazioni di polveri di sezione più grande, ossidi di azoto e metalli pesanti, la situazione delle polveri sottili e dell’ozono resta molto critica. E purtroppo sono proprio queste ad essere più cattive.
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.