Comunali, anche per il Terzo Polo c’è la tentazione liste civiche

Incontro nei giorni scorsi delle segreterie politiche dei partiti facenti parte del Terzo Polo per l’Italia. 

Più informazioni su

Comunicato stampa del Terzo Polo di Piacenza 

Si è svolto nella giornata di ieri, presso la sede dell’UDC, un incontro tra le segreterie provinciali dei partiti facente parte del Terzo Polo per l’Italia (UDC,FLI e API) per esaminare le linee programmatiche relative alle prossime elezioni amministrative per la città di Piacenza. Le rappresentanze politiche, guidate dai rispettivi segretari, Gianguido Carini UDC, Fabio Callegari FLI e Fabrizio Faimali API, hanno convenuto di dar mandato ad un apposito gruppo di lavoro di elaborare un documento politico-programmatico per lo sviluppo futuro della città di Piacenza.

I punti cardinali di tale documento saranno:
le famiglie ed i servizi sociali;
–       lo sviluppo economico;
–       l’ambiente e il territorio;
le politiche giovanili;
–       il sapere per il rilancio della città.
Si è, altresì, concordato di allargare la coalizione del Terzo Polo a quelle componenti della società civile (liste civiche) che si riconoscono nei valori del moderatismo e condividono il documento politico-programmatico del Terzo Polo. Infine, per quanto riguarda la candidatura a Sindaco della città si sono individuati alcuni criteri (non professionisti della politica, esperienza amministrativa, popolarità) sulla base dei quali si è dato mandato, in particolar modo, alla Segreteria dell’UDC di ricercare una o più personalità da sottoporre al giudizio degli alleati per la scelta definitiva. Hanno partecipato all’incontro e sono intervenuti Gabriele Gualazzini, Brunetto Ferrari, Bruno Cassinari e Luca Albieri per UDC, Daniele Gardi e Carlo Maini per FLI, GianPaolo Crespoli e Marco Marippi per API.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.