“La Cronaca” a rischio stop. Trespidi: “Solidarietà ai lavoratori”

Sul tema intervengono anche i due candidati sindaco alle Primarie del centrosinistra Paolo Dosi e Francesco Cacciatore con una dichiarazione congiunta.

Più informazioni su

Il quotidiano “La Cronaca” di Piacenza corre il rischio di sospendere le pubblicazioni. Lo comunica la Fnsi (la Federazione nazionale della stampa) in una nota riportata da “Prima Comunicazione”. “Ancora in assenza del decreto di pagamento dei contributi per il 2010, la cooperativa (che edita il giornale di Piacenza e Cremona ndr) non ha possibilità di alimentare ulteriormente l’accesso al credito bancario per andare avanti con un minino di garanzie.

Venerdì 20 gennaio l’assemblea – La situazione è confermata anche da un corsivo del quotidiano pubblicato in prima pagina. Sarà l’assemblea dei soci della cooperativa editrice in programma a decidere se continuare o meno la pubblicazione.

SOSPENSIONE PUBBLICAZIONI CRONACA, IL PRESIDENTE TRESPIDI: “SOLIDARIETÀ AI LAVORATORI”
 
“Apprendiamo con preoccupazione la decisione della società editoriale del quotidiano Cronaca di sospendere le pubblicazioni. Esprimiamo la nostra solidarietà ai giornalisti e a tutti i lavoratori”. Così il presidente della Provincia Massimo Trespidi appresa la notizia della volontà emersa dall’azienda questa sera. “Come già comunicato questo pomeriggio, la Provincia, per il tramite dell’assessore Andrea Paparo, si è attivata per organizzare un incontro con i sindacati (dai quali è giunta ieri la richiesta di un tavolo) e l’azienda, alla presenza istituzionale dello stesso assessore Paparo. L’incontro è stato fissato per giovedì 26 gennaio. Auspichiamo che possa essere un momento utile per concretizzare risultati nell’interesse dei lavoratori e del pluralismo dell’informazione”.

Doppio incontro di confronto con i sindacati e le società editoriali degli organi di informazione locale “Teleducato” e “Cronaca” giovedì 26 gennaio. L’assessore provinciale Andrea Paparo ha organizzato due distinti momenti di confronto, venendo incontro alle richieste espresse ieri dai sindacati. Alle 10, in sala formazione degli uffici della Provincia di via Mazzini (secondo piano) riunione di Teleducato, alle 11 – nella stessa sede – appuntamento con Cronaca.

All’ordine del giorno: l’acquisizione degli ultimi aggiornamenti che fanno seguito al tavolo attivato in Regione sulla situazione dell’emittente Teleducato e il futuro della testata locale “Cronaca”, chiamata questa sera a decidere di una possibile sospensione delle pubblicazioni.

“Gli incontri – spiega l’assessore Paparo – sono stati promossi anche su richiesta delle organizzazioni sindacali. Auspichiamo possano rappresentare un utile momento di confronto tra le parti nel reciproco scambio tra società editoriali, sindacati e istituzioni”.

Sul tema intervengono anche i due candidati sindaco alle Primarie del centrosinistra Paolo Dosi e Francesco Cacciatore con una dichiarazione congiunta e Samuele Raggi dell’Italia dei Valori 

“Quella dei tagli all’editoria è una vicenda – continua la Federazione secondo quanto riporta l’Ansa – che colpisce particolarmente una regione come l’Emilia Romagna dove si rischia la sospensione di diverse attività, come la Cronaca di Piacenza e Cremona, il Domani (l’Informazione di Bologna e di Modena). La Fnsi che è, e resta, preoccupata per i posti di lavoro e per la tutela dei diritti dei giornalisti, è impegnata a sostenere una riforma dell’editoria impostata su criteri di trasparenza e correttezza incardinati, innanzitutto, sui parametri della diffusione reale e dell’occupazione regolare. Oggi c’é un sistema di aiuti pubblici che lo Stato vuol cambiare ma, nella transizione a nuove regole, è necessario assicurare a tutti la possibilità di misurarsi con le nuove sfide”.

La preoccupazione dei sindacati: “Aprire un tavolo provinciale”

“Siamo molto preoccupati per una crisi del settore che oltre ad un aspetto occupazionale investe un aspetto di interesse collettivo come il pluralismo dell’informazione nella nostra città. Per questo chiediamo a tutte le istituzioni e alle categorie economiche che venga convocato al più presto un tavolo provinciale che cerchi tutte le soluzioni per salvaguardare il pluralismo e il lavoro degli operatori dell’informazione locale”.

Così i segretari provinciali generali di Cgil (Paolo Lanna), Cisl (Marina Molinari) e Uil (Massimiliano Borotti) hanno espresso la “profonda preoccupazione” dei sindacati confederali sulla crisi che sta investendo il mondo dell’informazione piacentina, che dopo Teleducato Piacenza ora riguarda anche il quotidiano La Cronaca. “Chiediamo l’apertura urgente di un tavolo provinciale – proseguono Cgil, Cisl e Uil – che metta in campo tutti gli strumenti per far proseguire le pubblicazioni del quotidiano La Cronaca e tuteli il lavoro dei giornalisti di Teleducato e de La Cronaca”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.