La pietra e la carne. Zucconi espone al museo di Montevarchi

Parte integrante di quella ricognizione ed indagine critica che il museo montevarchino - unico in Italia che per vocazione è interamente dedicato alla scultura - ha avviato sulla plastica contemporanea sondandone i materiali, le problematiche, i linguaggi e le poetiche, l’allestimento di alcune opere di Christian Zucconi (Piacenza, 1978) all’interno delle sale espositive de “Il Cassero” sollecita riflessioni e suggestioni certamente inattese. 

Più informazioni su

Christian Zucconi. La pietra e la carne
11 febbraio-9 aprile 2012
Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento
Via Trieste, 1 Montevarchi (AR)
 
Parte integrante di quella ricognizione ed indagine critica che il museo montevarchino – unico in Italia che per vocazione è interamente dedicato alla scultura – ha avviato sulla plastica contemporanea sondandone i materiali, le problematiche, i linguaggi e le poetiche, l’allestimento di alcune opere di Christian Zucconi (Piacenza, 1978) all’interno delle sale espositive de “Il Cassero” sollecita riflessioni e suggestioni certamente inattese. Reduce dalla sua partecipazione alla 54ª Biennale Internazionale d’Arte di Venezia e da due straordinarie personali allestite all’interno del Museo del Castello Sforzesco a Milano e di quello di Palazzo Farnese a Piacenza, l’artista entra ora in diretto colloquio con la scultura otto-novecentesca del Museo.
 
Il materiale è quello lapideo, nella sanguigna variante del travertino persiano che accentua i contenuti “carnali” della sua poetica scabra e scabrosa; già questo potrebbe essere individuato come il suo specifico linguaggio, ma c’è ben altro. La particolarità della sua ricerca artistica è amplificata da una tecnica d’esecuzione assolutamente matura e singolare, volta ad alleggerire le opere, a svuotarle dalla materia superflua sino a farle divenire gusci leggeri, fessurati e fluttuanti. Una tecnica che giunge a confutare la tradizionale convinzione che la scultura in pietra non possa essere “leggera”.
 
Primo dei cinque appuntamenti dedicati alla scultura contemporanea che si svolgeranno al Cassero nell’arco del 2012, la mostra è organizzata dal Comune di Montevarchi e dall’“Associazione Amici de Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento” e si avvale della collaborazione e della competenza di giovani emergenti sperimentando una nuova, proficua collaborazione con l’“Associazione Fotoamatori Francesco Mochi” e l’“Associazione MACMA”, importanti realtà che attraverso la fotografia e la cinematografia sono in grado di dialogare e fondersi con la scultura contemporanea di livello nazionale. Dal 18 febbraio, in contemporanea con l’esposizione montevarchina, Zucconi è presente in
Toscana con un’altra mostra allestita al Museo dell’Opera del Duomo di Prato a cura di Luca Beatrice.
 
Il catalogo, di 32 pagine corredato da una serie di foto di Virginia Righeschi che documentano i lavori di allestimento e le opere in loco, è curato da Alfonso Panzetta con un testo di Giulia Stagi.
 
Info:
Christian Zucconi. La pietra e la carne
Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento
Via Trieste, 1
Montevarchi (AR)
11 febbraio-9 aprile 2012
Inaugurazione 11febbraio
T. +39 055.9108274
info@ilcasseroperlascultura.it
www.ilcasseroperlascultura.it
Facebook: Cassero per la Scultura
Biglietto Museo + Mostra
Intero: € 3,00.
Ridotto: € 1,00 – under 18, soci COOP, CTS, ISIC, ITIC.
Gratuito: over 65 anni, under 6, disabili e possessori di Edumusei Card.
Orario di apertura
Giovedì e venerdì: 10-13 e 15-18
Sabato e domenica: 10-13 e 15-19
Primo giovedì del mese: 21.30-23.30
Chiuso domenica 8 aprile e aperto lunedì 9 aprile
Catalogo di 32 pagine a cura di Alfonso Panzetta con un testo di Giulia Stagi edito da
Torelli Edizioni (Montevarchi).
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.