Quantcast

Liberalizzazioni taxi, il no della Lega: “Anche la Regione faccia la sua parte”

"Un testo, quello della bozza del prossimo Decreto Legge sulle liberalizzazioni, che ha dell’assurdo, - dichiara il consigliere  Stefano Cavalli - essendo evidente come il governo Monti abbia intenzione di stravolgere completamente il settore e i suoi equilibri".

Liberalizzazioni delle licenze taxi, Lega Nord: “La Regione faccia la sua parte per contrastare le modifiche volute da Monti”.

«Un testo, quello della bozza del prossimo Decreto Legge sulle liberalizzazioni, che ha dell’assurdo, – dichiara Stefano Cavalli, consigliere regionale della Lega Nord – essendo evidente come il governo Monti abbia intenzione di stravolgere completamente il settore e i suoi equilibri. Tra le misure ventilate dalla bozza del nuovo decreto – spiega Cavalli – vi sono il raddoppio delle licenze, la possibilità di possederne più di una e la possibilità di esercitare al di fuori dell’ambito territoriale di rilascio. Altri aspetti – aggiunge l’esponente del Carroccio – sono ancora da definire ma le conseguenze del provvedimento governativo sono facilmente prevedibili: la progressiva svalutazione del valore commerciale delle licenze; la possibilità per i grandi gruppi commerciali di acquistare numerose licenze, con evidenti rischi di oligopolio e cartello; la distorsione della domanda e dell’offerta in quanto chi ha acquistato la licenza in comuni scarsamente popolati, pagandola meno rispetto alla medesima licenza rilasciata da un comune ad alta densità, potrebbe operare in grandi città e metropoli, esercitando, quindi, una forte e sleale concorrenza. Se si proseguirà su questa strada ci ritroveremo nella stessa situazione di altre nazioni, dove in poco tempo il settore è finito in mano ai caporalati degli stranieri che lavorano per pochi spiccioli. Gli eventuali problemi che si lamentano non sono riconducibili ad uno scarso numero di licenze o ad una sorta di lobby dei taxisti ma semmai a una cattiva gestione da parte dei comuni.

Se queste sono le liberalizzazioni volute da Monti, – conclude Cavalli – come Lega Nord non possiamo che manifestare il nostro dissenso e, attraverso una risoluzione, inviteremo l’Assemblea Legislativa a fare altrettanto, impegnando la Giunta regionale ad attivarsi in tutte le sedi istituzionali e politiche a contrasto delle sopradescritte modifiche contenute nella bozza del Decreto Legge sulle liberalizzazioni che a giorni sarà presentato dal Governo Monti»

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.