Zanetti (Idv) replica Bergonzi sulle primarie: “No alla litigiosità”

"Gravi e inutilmente aggressive le affermazioni di Bergonzi sull'IdV” - La litigiosità che prescinde dai contenuti allontana la gente dalla politica

Più informazioni su

Athos Zanetti (IdV): “Gravi e inutilmente aggressive le affermazioni di Bergonzi sull’IdV” – La litigiosità che prescinde dai contenuti allontana la gente dalla politica
 
L’approssimarsi delle primarie del 5 febbraio per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra richiede di contenere i toni della polemica interna al Pd, e le reazioni verso i molti che la considerano inopportuna, entro i limiti di una naturale dialettica democratica.
 
In questo senso le affermazioni del consigliere provinciale Bergonzi nei confronti dell’Italia dei Valori risultano tanto gravi e infondate quanto dannose per tutta la coalizione, un segnale di personale aggressività e arroganza che mal si concilia con l’affidabilità necessaria a governare la città anche nei prossimi anni.
La litigiosità che prescinde dai contenuti, la continua e sterile contrapposizione ( interna e con gli alleati) è infatti ciò che allontana la gente dalla politica e dai partiti. E tuttavia la politica e i partiti, malgrado troppo spesso popolati da persone non all’altezza, costituiscono l’unico strumento della democrazia.
Con questa consapevolezza, L’Italia dei Valori è da sempre impegnata a svolgere una funzione di collegamento tra politica e società civile, a promuovere la partecipazione attiva della gente, come dimostra la recente stagione referendaria.
 
Sono incomprensibili le resistenze scomposte di chi si ostina a voler spacciare per vino nuovo il contenuto di otri vecchi, occorre invece saper cogliere il nuovo e metterlo in recipienti nuovi come cerchiamo di fare proponendo la figura di un giovane competente alla guida della città.
Perché siamo convinti che per il futuro della nostra città occorra una guida illuminata, capace di intercettare fragilità, trovare risorse e sostenere vocazioni con un occhio di riguardo alle giovani generazioni. Per fare questo non serve solo un sindaco ma una squadra di donne e uomini virtuosi che abbiano, come distintivo, i caratteri della competenza e della disponibilità all’impegno, portatori di interessi generali e non personali o di fazione.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.