Confapi: “Aprire un tavolo per moratoria debiti”

"E’ paradossale - afferma il presidente Pier Maria Mantelli - che molte aziende virtuose siano tagliate fuori dal mercato pur avendo commesse, a causa della mancanza del denaro necessario per acquistare le materie prime".

Aprire un tavolo di confronto per la stipula di un nuovo accordo sulla moratoria dei debiti delle PMI, con caratteristiche simili a quelle del precedente accordo ormai scaduto. E’ quanto chiede Confapi, l’associazione delle piccole e medie imprese, a fronte della difficile congiuntura economica vissuta dal mercato. Lo scorso 31 dicembre è scaduta infatti l’intesa firmata dall’ABI e dalle altre associazioni di categoria “sulla moratoria debiti delle PMI”, per la sospensione delle rate dei mutui di queste verso il sistema creditizio. L’accordo aveva l’obiettivo di dare respiro finanziario alle imprese che possedevano adeguate prospettive economiche.

«Negli ultimi mesi l’accesso al credito è peggiorato per due imprenditori su tre, con gravi ripercussioni sulla competitività delle aziende e sulla capacità di mantenere l’occupazione – afferma Pier Maria Mantelli, Presidente di Confapi – E’ paradossale che molte aziende virtuose siano tagliate fuori dal mercato pur avendo commesse, a causa della mancanza del denaro necessario per acquistare le materie prime».

«Ma se le imprese sono in difficoltà per la carenza di risorse finanziarie non è solo colpa delle banche – aggiunge Mantelli – da tempo chiediamo allo Stato di fare la sua parte; non si può uscire dalla crisi senza la volontà di collaborare: Governo, banche e imprese devono lavorare in sinergia per proiettare l’Italia verso la ripresa».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.