Continua a cadere la neve,L’ELENCO delle scuole chiuse

Oggi non è prevista alcuna riduzione o modifica al servizio di trasporto pubblico, che quindi sarà effettuato regolarmente nonostante l’emergenza neve e la prevista chiusura delle scuole in alcuni comuni della provincia

Più informazioni su

<a href=”http://www.coveritlive.com/mobile.php/option=com_mobile/task=viewaltcast/altcast_code=146b55dc15″ >Neve a Piacenza</a>

(Vedi anche LE FOTO DEI LETTORI)

Sono 100 i mezzi sgombraneve e spargisale in azione in queste ore sui 1.100 chilometri di strade provinciali. 10 le imprese coinvolte.

Per quanto riguarda la nevicata in corso in queste ore, non sono state segnalate situazioni di particolare criticità. I mezzi stanno battendo assiduamente le strade provinciali con l’obiettivo di pulire al meglio le arterie, in previsione dell’annunciato – e drastico – abbassamento delle temperature nelle prossime ore, per prevenire la possibile formazione di ghiaccio sulle strade. Dagli uffici tecnici si rinnova l’invito, anche nei prossimi giorni, alla massima prudenza alla guida.  

Per il lotto 1 – che raggruppa la porzione di ‘ponente’ del territorio (Valtidone, Valtrebbia) – il servizio “agibilità invernale” è curato dall’Associazione temporanea di imprese Cogni Spa, Edilgiemme Srl, Ceap società cooperativa, Maserati Srl. La cordata mette in campo 35 sgombraneve (con disponibilità di mezzi adeguati allo sgombero nei plessi scolastici) e 21 mezzi spargisale.

Per il lotto 2 – che comprende Valdarda, Vachiavenna, Valnure e la Bassa piacentina – a occuparsi del servizio è l’Associazione temporanea d’impresa aggiudicataria dell’appalto composta da Vetrucci Srl, Cps Spa, Cdf Costruzioni Srl, Bonvicini Spa e dal consorzio Ccpl. Insieme possono contare su 43 sgombraneve (garantito anche il servizio nei plessi scolastici) e 22 mezzi spargisale.

L’intero dettaglio sui mezzi a disposizione e sulla suddivisione delle competenze è indicato nel cosiddetto “Piano neve”, annualmente presentato entro il 25 luglio. Il piano deve ricevere l’ok dall’amministrazione provinciale. Quello dichiarato dalle imprese (e indicato nel documento) è il numero minimo dei mezzi in “pronto impiego” dal 15 ottobre al 15 aprile di ogni anno, nulla vieta un dispiegamento maggiore – rispetto ai cento citati – di mezzi, nei casi di particolare necessità.

Intanto i volontari di protezione civile dalle prime ore di questo pomeriggio hanno smobilitato il presidio di Le Mose, a seguito della riapertura delle arterie autostradali ai mezzi superiori alle 7,5 tonnellate. Per tutta la mattinata due squadre hanno offerto la propria collaborazione alle forze dell’ordine. I mezzi pesanti sono rimasti in sosta nel parcheggio di Piacenza Expo fino alle 13,30 circa di oggi. Dalla provincia giunte alcune segnalazioni di scuole chiuse nei prossimi giorni, a: Bettola, Farini, Nibbiano, Pecorara, Vernasca. Le lezioni non si sono tenute, già da oggi, a: Morfasso e Ferriere. Per quanto riguarda la situazione dei prossimi giorni, domani è previsto un calo delle precipitazioni nevose e un drastico irrigidimento delle temperature.

Domani trasporto pubblico regolare SETA Spa comunica che per la giornata di domani, giovedì 2 febbraio, nel bacino provinciale di Piacenza non è prevista alcuna riduzione o modifica al servizio di trasporto pubblico, che quindi sarà effettuato regolarmente nonostante l’emergenza neve e la prevista chiusura delle scuole in provincia. Per informazioni in tempo reale sulla regolarità delle corse gli utenti possono chiamare il NUMERO VERDE: 800 211 173. 

SCUOLE CHIUSE IN PROVINCIA – 
Domani, giovedì 2 febbraio, chiuderanno le scuole di Bettola, Farini, Nibbiano, Pecorara, Vernasca, Ferriere, Morfasso. A questo elenco potrebbero aggiungersene di nuove.

Il meteo
La neve continuerà a cadere a bassa intensità fino a stasera. Così indicano le previsioni meteo dell’Osservatorio Alberoni circa le precipitazioni iniziate ieri mattina in tutto il Nord Italia. Tra ieri e oggi sono caduti a Piacenza e in pianura 16 centimetri, man mano che si sale la quantità aumenta fino ai circa 40 della montagna. Per domani è atteso un’esaurimento della perturbazione e il ritorno del sole, accompagnato da un’ondata di freddo pungente che porterà la colonnina di mercurio fino a meno 12 tra sabato e domenica. Non si tratta di temperature record, valori simili infatti si sono registrati anche negli inverni del 2005, 2009 e 2010. Dall’8 di febbraio il termometro dovrebbe ricominciare a salire. Circolazione viaria difficoltosa in diverse arterie provinciali, ma per il momento non si segnalano situazioni critiche.

Attivi i mezzi di Iren
(ore 17.00) – In tarda mattinata si è conclusa la pulizia di tutta la viabilità della città e delle frazioni da parte dei mezzi spartineve. Sempre nel corso della mattinata, visto il protrarsi delle precipitazioni nevose, Iren Emilia ha provveduto a mettere nuovamente in azione 11 mezzi spandisale per il trattamento antineve delle strade di primaria viabilità. Complessivamente tra ieri ed oggi sono stati sparsi circa 400 tonnellate di sale. Sono ancora operative anche le 10 squadre munite di piccole attrezzature spartineve (bob cat) per la pulizia dei marciapiede delle zone a maggior transito pedonale. Restano sempre in allerta le 64 lame rotta neve pronte ad entrare in funzione qualora la coltre nevosa sulle strade dovesse raggiungere i 6/8 centimetri.

Gli interventi in Valluretta
 – Numerosi interventi effettuati dalla Polizia Municipale dell’Unione Val Trebbia Val Luretta, a partire dal pomeriggio di ieri e per tutta la giornata di oggi. Sono state impiegate complessivamente otto pattuglie che si sono occupate anche delle esigenze legate alle richieste di protezione civile, pervenute dalle Amministrazioni dei Comuni aderenti all’Unione Val Trebbia Val Luretta. Particolare attenzione è stata posta nei confronti dei conducenti dei veicoli in transito sulle strade comunali, provinciali n. 7, 11, 28, 40, 55 e ss 45, per l’assistenza di veicoli in panne, o in difficoltà a causa delle condizioni avverse; sono segnalati quattro veicoli usciti di strada sulla s.p. n. 28. Grazie alla collaborazione fra Uffici servizi sociali dei Comuni con la Polizia Municipale, sono state effettuate alcune verifiche,a persone che vivono in frazioni isolate e solitamente sole, per accertarsi delle condizioni di salute e di primo approvvigionamento di generi alimentari e medicinali; in particolare nei comuni di Travo ed Agazzano dove le ricerche effettuate dagli agenti di Polizia Municipale che hanno raggiunto a piedi le frazioni non raggiungibili, hanno dato esito positivo. La neve non ha fermato la consegna dei pasti a persone che vivono in situazioni particolari ed in località isolate, assistenti dei Servizi Sociali ed agenti di Polizia hanno provveduto a garantire il servizio nei Comuni di Gragnano e Rivergaro. Durante i vari servizi predisposti per garantire la maggiore sicurezza a causa delle condizioni avverse, così come evidenziato dal Prefetto di Piacenza, non sono emerse situazioni di criticità sulla ss 45 nel tratto di competenza: numerose le richieste alla centrale operativa della Polizia Municipale per informazioni sulla percorribilità delle strade e sugli obblighi; sono stati recuperati due pastori tedeschi rinvenuti in strada e riconsegnati ai proprietari, grazie alle segnalazioni di cittadini che si erano fermati sulla ss 45 e nel centro abitato di Rivergaro, occupandosene fino all’arrivo della pattuglia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.