Dall’Acuto a PcSera. Danimarca: felicità sbiadita?

Prosegue con questo articolo sulla Danimarca la collaborazione tra L’Acuto online (http://acuto.wordpress.com) e PiacenzaSera.it. L’Acuto è il giornale del liceo Gioia di Piacenza che da qualche tempo ha un’appendice telematica, un po’ blog e un po’ giornale. Noi abbiamo deciso di aprirgli uno spazio... leggere per credere l’articolo qui sotto. 

Più informazioni su

Prosegue con questo articolo sulla Danimarca la collaborazione tra L’Acuto online (http://acuto.wordpress.com) e PiacenzaSera.it. L’Acuto è il giornale del liceo Gioia di Piacenza che da qualche tempo ha un’appendice telematica, un po’ blog e un po’ giornale. Noi abbiamo deciso di aprirgli uno spazio… leggere per credere l’articolo qui sotto. 

Danimarca: felicità sbiadita?

La Danimarca, in questi giorni, è stata dichiarata dal quotidiano Corriere della Sera uno dei paesi più felici. Eppure il tasso di alcolismo in questo paese nordico è davvero alto rispetto a quelli Italiano ed Europeo in generale. Ogni Danese secondo le statistiche ,infatti, consuma 89.9 litri di birra all’anno. Sorge quindi spontaneo chiedersi come due aspetti così contrastanti siano conciliabili. È tipico dei paesi con climi molto rigidi un tasso di alcolismo alto e una socialità limitata. Il freddo e il vento tagliente trasformano, per nove mesi all’anno, una passeggiata in un calvario. Il crepuscolo giunge prestissimo, infatti la Danimarca chiude alle cinque , nel vero senso della parola. Non chiudono solo i negozi, chiude la vita, tutta la vita danese si chiude in casa. Il venerdì e il sabato sono gli unici giorni in cui i locali non sembrano far parte di città fantasma. Che cosa fanno ,dunque, i giovani ( e i non tanto giovani) nelle poche ore di libertà? Bevono, bevono e bevono. Alle nove sono ubriachi fradici e urinano allegramente in strada. Dunque le occasioni di svago sono mal vissute e non portano ad una socializzazione profonda. Sembra quasi che una serata da sobri lì sia una cosa squallida, che si diventi alcolisti per educazione. Non si beve per dimenticare ma perché è l’unico modo che si conosce per divertirsi e per rompere la monotonia di uno Stato che ti da sempre tutto pronto.

Non bisogna infatti tralasciare gli aspetti che vengono considerati positivi di questo paese, che sono ,però, un’arma a doppio taglio. La Danimarca offre un futuro sicuro ai propri cittadini. Un futuro sicuro alle ragazze madri ,a chi perde il lavoro, a chi è completamente povero, agli studenti. Le prime ricevono una casa e uno stipendio proporzionale ai figli, gli studenti hanno due anni di alloggio gratuito,
chi è nullatenente ha diritto a una casa e ad uno stipendio a vita. È un futuro così sicuro che annoia, così sicuro che non riserva nessuna sorpresa. Queste sono tutte misure che ogni Italiano approverebbe, ma che forse fanno perdere la voglia di lottare per un futuro migliore. Infatti se ognuno è sicuro che comunque vada andrà tutto bene, perde la voglia di crearsi la vita che vuole. Una casa è un diritto, ma uno stipendio va guadagnato, bisogna almeno provare e queste norme tolgono il bisogno di tentare. Inoltre non esiste criminalità organizzata e anche la delinquenza è poco diffusa (scartando ovviamente gli ubriachi un po’ molesti del sabato sera).

Forse tutta questa critica verso un paese che in apparenza potrebbe sembrare così perfetto è solo per rivalutare almeno un po’ l’Italia, che in fondo in fondo non è così male. Un paese che, anche quando va male, sorride perché almeno c’è il sole. L’idea che mi sono fatta andando in Danimarca è che i Danesi sappiano guardare la felicità solo attraverso una fotografia sbiadita. Una felicità che non è altro che la noia di uno Stato sempre giusto.

Serena Bergamaschi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.