Quantcast

Nasce “La sinistra per Piacenza”. “Noi alternativa complementare al Pd”

Nasce ufficialmente "La sinistra per Piacenza", lista unitaria che raccoglie partiti e movimenti a sostegno della candidatura di Paolo Dosi a sindaco della città. Alla lista unitaria hanno aderito la Federazione della Sinistra, Sinistra e Libertà, e il Partito Socialista Italiano, e si è già al lavoro per presentare in tempi celeri i candidati per lezioni comunali. 

Più informazioni su

Nasce ufficialmente “La sinistra per Piacenza”, lista unitaria che raccoglie partiti e movimenti a sostegno della candidatura di Paolo Dosi a sindaco della città. Alla lista unitaria hanno aderito la Federazione della Sinistra, Sinistra e Libertà, e il Partito Socialista Italiano, e si è già al lavoro per presentare in tempi celeri i candidati per lezioni comunali. 

“La nostra – spiega Roberto Montanari, della Federazione della Sinistra – è una lista aperta, che vuole unire le forze politiche a sinistra in città con associazioni e movimenti. Non è un caso che abbiamo aderito al nostro appello una trentina di rappresentanti del mondo sindacale, insegnanti e dirigenti scolastici, medici, partigiani, attivisti del commercio equo e solidale. Questa è la sinistra che difende l’articolo 18, attenta ai servizi sociali e contraria alla cementificazioni delle aree militari, che vuole difendere i beni comuni e promuovere la cultura. Questa è la sinistra che portiamo in dote alla candidatura di Paolo Dosi, una proposta politica in  grado di controbilanciare il Pd, nostro alleato moderato”. 

“Per suo stesso statuto, Sinistra e Libertà è nata per unire la sinistra – osserva Emanuela Schiaffonati di Sel -, e credo che questo nuovo soggetto, che si presenta per la prima volta, possa essere un’alternativa complementare al Pd, che su tanti temi non sa dare risposte sicure e decise. Il nostro obiettivo è offrire proposte costruttive per la città di Piacenza, anche se questo è un impegno che ha lo sguardo ben più lungo. La parola “sinistra” non deve far paura”. 

“Questa unione di forze politiche a sinistra – osserva Emilio Dadomo del Psi – è un fatto politico di assoluto rilievo, soprattutto vista la fase di incertezza in cui sembra trovarsi il Pd. E’ un partito di centro, alleato di Casini o è una forza socialdemocratica?. Noi siamo un’alternativa, e i nostri candidati saranno rappresentativi di tutta la sinistra”.

Alcuni nomi vengono già fatti: si tratta di Luigi Rabuffi, già candidato alle primarie del centrosinistra, il musicista Luca Garlaschelli, Marco Angelo Bertoncini, presidente della circoscrizione 4. Da domani intanto inizia la campagna di raccolte firme per la presentazione della lista, con banchetti al mercato della Farnesiana, che saranno poi presenti anche sul mercato bisettimanale di Piacenza. “Per dirla con il subcomandante Marcos – chiosa Montanari – possiamo contare sulla forza delle nostre gambe e delle nostre scarpe”. E la Sinistra per Piacenza parteciperà, sabato ai Filodrammatici, alla convention per Paolo Dosi. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.