Quantcast

Arzani (Forza Piacenza Insieme): “Padri separati, i nuovi poveri da aiutare”

I nuovi poveri, così come li identifica il candidato Claudio Arzani che, nell'approfondire l'argomento, si è riferito a tanti nel nostro territorio vivono un disagio sociale di non poco conto.

Intervento della lista Forza Piacenza Insieme
 
I nuovi poveri, così come li identifica il candidato Claudio Arzani che, nell’approfondire l’argomento, si è riferito a tanti nel nostro territorio vivono un disagio sociale di non poco conto.
 
“E’ un problema che nasce dal sociale, molti sono i padri che per separazione o divorzio si trovano a dover affrontare due distinte vite, con duplicazione dei costi e conseguenti dissesti finanziari. Da una indagine appresa presso istituti sanitari è emerso che lo stato di abbandono dei padri dopo l’insuccesso coniugale genera forti ripercussioni di natura psicologica generando nuovi casi di povertà, di crisi economica e conseguente degrado sociale.”
 
I nuovi poveri stanno dilagando anche nel territorio piacentino. ” Sono in tanti – prosegue Arzani – coloro che si rivolgono alla Caritas per ricevere assistenza e tanti sono quelli che nell’ultimo periodo si sono rivolti al servizio avvocato di strada, un’assistenza legale gratuita per i senza tetto. Questo dato non può essere trascurato e gli Enti Comunali ed assistenziali risultano a volte insufficenti per tutelare quanti richiedono aiuto. Il nostro impegno deve essere fattivo, dobbiamo tenere conto di queste tristi ma oggettive realtà e dobbiamo porne rimedio”
 
Le soluzioni nell’immediato non sono facili ma, osserva Arzani “è possibile quanto meno monitorare il fenomeno, ed individuare quei casi di genitori in crisi che chiedono aiuto ai servizi sociali per informare e prevenire l’insorgere del problema prima che diventi irrisolvibile. Prevenire il disagio è doveroso per aiutare la nostra città a crescere e rinascere da anni di grande difficoltà.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.