Quantcast

Celebrata a Fiorenzuola la Liberazione, “impegno a sostegno della memoria”

Si è chiusa in piazzale Taverna con la deposizione della corona di alloro al monumento ai partigiani la prima fase delle celebrazioni legate al 25 aprile, promosse dall’Amministrazione comunale insieme alla locale sezione Anpi

Più informazioni su

Celebrato il 25 aprile: la Resistenza è un valore che non può essere messo in discussione

Fiorenzuola, 23 aprile 2012 – Si è chiusa in piazzale Taverna con la deposizione della corona di alloro al monumento ai partigiani la prima fase delle celebrazioni legate al 25 aprile, promosse dall’Amministrazione comunale insieme alla locale sezione Anpi. Dopo gli omaggi ai caduti dei tutte le guerre, ai partigiani fiorenzuolani Boiardi e Crenna, a Grosni e Villa e la santa messa in Collegiata, alla presenza dell’onorevole Maurizio Migliavacca, delle associazioni cittadine e della Banda della Val d’Arda, sono stati il sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani, il presidente dell’Anpi Danilo Frati e il professor Gianni D’Amo a sottolineare il valore delle giornata nella quale si celebra la Liberazione dell’Italia.

“Negli anni passati – ha osservato il sindaco Compiani – abbiamo sempre cercato di caratterizzare localmente il 25 aprile. Abbiamo invitato il partigiano russo Grosni, che perse la vita a Fiorenzuola dopo aver partecipato alla Resistenza, abbiamo ricordato i caduti fiorenzuolani nei campi di lavoro, mentre quest’anno abbiamo collaborato con l’Istituto Comprensivo, che ringrazio, per il progetto legato alla “Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole” di Marzabotto, che verrà presentato dai ragazzi sabato 28 aprile al teatro Verdi. Abbiamo provato emozioni forti andando in visita nei campi di sterminio. Abbiamo fatto tutto ciò affinché la memoria potesse aiutarci ad affrontare meglio il futuro”.

Anche il presidente dell’Anpi Frati ha ringraziato nel suo discorso i ragazzi dell’Istituto Comprensivo per il lavoro svolto e l’Amministrazione comunale per l’impegno a sostegno della memoria: “Non dobbiamo mai scordare i tanti partigiani che hanno perso la vita per la Liberazione e per la creazione di un’Italia democratica. E chiediamo ufficialmente all’Amministrazione comunale l’impegno per l’intitolazione di una via cittadina a Giuseppe Pastorelli e Angelo Gatti, storici fondatori dell’Anpi di Fiorenzuola”.

La chiusura è toccata a Gianni D’Amo, che ha evidenziato il basso tasso di memoria condivisa che caratterizza il nostro Paese: “Ci sono valori come l’Unità d’Italia, la Costituzione e anche la Resistenza che, purtroppo, talvolta ancora oggi vengono messi in discussione. Il nostro è un Paese che non ha ancora ben chiaro di che cosa si deve vergognare e di che cosa può andare fiero. La Resistenza, come il Risorgimento, è una di quelle cose di cui andare fieri. In Francia sono sessant’anni che non ci sono polemiche sulla Resistenza. In Italia la Resistenza la fecero soprattutto i giovani, gente cresciuta a pane e fascismo, ragazzi che, a un certo punto della loro vita, vennero chiamati a decidere e fecero la scelta più difficile, che portò molti di loro alla morte. Ma scelsero la libertà e la democrazia. E tra loro vorrei ricordare la figura di Aldo Braibanti, fiorenzuolano, che prese parte alla Resistenza a Firenze”.

Le celebrazioni proseguono martedì 24 aprile, alle 20,30 in Collegiata, dove si terrà il concerto per coro e alcuni strumentisti del conservatorio Nicolini di Piacenza intitolato “Memoria per il futuro”, a ricordo di tutti i fiorenzuolani caduti durante la guerra di liberazione. Il concerto è promosso dall’Amministrazione comunale insieme alla sezione Anpi di Fiorenzuola “Giuseppe Pastorelli”. Il programma della serata prevede Giacomo Puccini – REQUIEM (per coro, organo e viola solista), Andrew Lloyd Webber – PIE JESU (per soprano, voce bianca, coro e organo), Louis Vierne – MESSE SOLENNELLE op. 16 (per coro e due organi). Direttore sarà Giorgio Ubaldi, mentre gli esecutori saranno il soprano Donata Zaghis, la voce bianca Giacomo Battilocchi, il Coro del Conservatorio di Piacenza. Alla viola ci sarà Alice Castelnuovo, agli organi Sebastiano Bernocchi e Federico Perocchi.

Sabato 28 aprile, dalle 9, al teatro Verdi si terrà la presentazione del lavoro effettuato dalle terze classi dell’Istituto Comprensivo di Fiorenzuola durante il laboratorio svolto con la “Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole” di Marzabotto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.