Quantcast

Comunali, mercoledì Magdi Allam a Piacenza

Il noto giornalista, fondatore del movimento “Io amo l’Italia”, incontrerà i cittadini all’auditorium di Sant’Ilario alle 16.30 per presentare il libro scritto insieme con Rita Coruzzi e per appoggiare il candidato sindaco Massimo Polledri

Magdi Cristiano Allam sarà a Piacenza mercoledì 2 maggio. Il noto giornalista, fondatore del movimento “Io amo l’Italia”, incontrerà i cittadini all’auditorium di Sant’Ilario alle 16.30 per presentare il libro scritto insieme con Rita Coruzzi e per appoggiare il candidato sindaco Massimo Polledri. Il libro di Allam e Coruzzi, “Grazie alla vita”, è un inno alla vita, è una reazione a non lasciarsi andare, è un testo che insegna a sperare. I messaggi vengono lanciati attraverso le storie vere di persone che si sono trovate in difficoltà. Coruzzi, 26 anni, è affetta da tetraparesi ed è sulla carrozzina a causa di un intervento chirurgico andato male, ed è candidata nella lista della Lega Nord al secondo posto, come indipendente.

Polledri (Lega): “Tante le adesioni al “manifesto degli onesti””

Tanti sindaci hanno aderito al “manifesto per gli onesti”. Anche il sindaco di Verona, Flavio Tosi, ha detto sì”. Lo afferma Massimo Polledri, candidato sindaco della Lega e delle liste Forza Piacenza Insieme, Pensionati Emiliani-Movimento Cristiano Piacentino.

 

“Questo Patto per legalità – continua Polledri – che sta facendosi sistema, rilancia la legalità come valore. Nella pubblica amministrazione va ricostruita un’etica e per farlo è più facile partire dai comuni. Tra i partiti, la Lega sta facendo la propria parte, continuando a fare pulizia e di questo sono soddisfatto. Il Patto per la legalità, lanciato a Piacenza il 5 aprile, è diventato il programma di governo in cento città e trova sempre più consensi tra gli amministratori leghisti. Tra i candidati e i sindaci che hanno aderito ci sono quelli di Asti, Carrara, Verona, Crema, Pistoia, Monza, Alessandria, Erba, Cantù”.

I politici, ha concluso Polledri, “siano di esempio per poi poter applicare la legalità. E la nostra città ha bisogno di legalità come dimostra l’aggressione alla donna piacentina il 25 aprile vicino ai Giardini Margherita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.