Quantcast

Giumanini (Moderati): “Con gli oratori formazione anche professionale”

Intervento di Dante Giumanini, candidato nella lista Moderati e Piacentini per Dosi. 

Più informazioni su

Dante Giumanini, Moderati e piacentini per Dosi: con gli oratori formazione cristiana, umana, ma anche professionale – Comunicato stampa
 
Dall’esperienza di ex ufficiale degli Alpini (naturalmente fa parte dell’associazione locale), è rimasto lo spirito comune, il senso del lavoro di gruppo, il codice di onore, ma anche l’onestà ed il dovere morale; a cui si aggiunge la personale e profonda Fede religiosa. 
Dante Giumanini, perito agrario, agente di commercio, ha deciso di “mettersi in gioco” nella politica, all’interno della lista “Moderati piacentini per Dosi”, proprio perché animato da questo senso del dovere. “Lo dovevo -spiega- ai giovani che non credono più in un “cattivo” modo di fare politica e sono abbandonati a loro stessi, in più, spesso, senza la prospettiva di un lavoro, essenziale per crescere, trovare fiducia in se stessi, crearsi una famiglia.
Dove manca la società- precisa- possono supplire gli oratori che, per decenni, sono stati un punto di riferimento e di formazione per tante generazioni, compresa la mia ed oggi potrebbero riprendere questo ruolo, a patto che possano essere supportati in questa essenziale funzione, dall’amministrazione pubblica. E’ in questo senso, con questo orientamento, che desidero portare il mio contributo nella vita e negli atti del Comune. Solo per questo, non certo per ambizioni personali, ho deciso di candidarmi in una lista che di “politico”, nel senso generico del termine, ha proprio poco; è semmai decisamente composta di persone che operano nel volontariato, nel sociale, pur condividendo il programma di Dosi, ma decisi ad integrarlo con contributi che scaturiscono da significative esperienze di vita, con atti politici che siano la testimonianza diretta delle loro scelte personali.
Negli oratori ho avvertito i reali bisogni dei giovani, ho compreso la loro drammatica sfiducia in una società sempre più vuota e priva di valori, non solo quelli cristiani, ma soprattutto quelli etico- sociali che sono poi alla base di una convivenza civile, dell’impegno che è essenziale per crescere civilmente e socialmente. Per questo sono convinto- ribadisce Giumanini- che con un più deciso e convinto supporto dell’amministrazione pubblica, le parrocchie possano tornare ad essere un centro permanente educativo cristiano, sociale, ma anche professionale. Perché non organizzarvi incontri ma anche corsi finanziati dal Comune, dove intervengono artigiani e imprenditori della piccola industria che indirizzino i giovani verso professioni nella quali ancora oggi ci sono buone possibilità di lavoro? 
Le giovani generazioni formate negli oratori rappresentano una garanzia di serietà attestata dai parroci che li conoscono tutti personalmente; creeremmo più dinamicità sociale nel lavoro, ricchezza, famiglie (datori di lavoro e lavoratori) che si conoscono reciprocamente, uniti insieme da fiducia ed operosità, perché consapevoli che il lavoro è un bene comune per tutti. 
Ma vedo questa funzione possibile anche per i luoghi di preghiera dei mussulmani perché sono frequentati da “regolari” cui è possibile infondere, attraverso la preghiera e la meditazione, anche i valori della società di cui chiedono di integrarsi e farne parte. Il lavoro regolare è uno di questi mezzi. Insomma il concetto fondamentale è quello di tenera unita la comunità nel suo insieme, nessuno escluso.
Insomma- conclude Giumanini- un deciso ritorno alla dottrina sociale della Chiesa che, nei suoi insegnamenti, è in grado di portare essenziali contributi alla società, concorrendo a migliorarla.
 
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.